Home / Cronaca / Morto don Tarcisio Bordignon, anima di San Pio X

Morto don Tarcisio Bordignon, anima di San Pio X

Classe 1930, era anche lui ospite della Fraternità sacerdotale di Udine, dove si è sviluppato un focolaio Covid

Morto don Tarcisio Bordignon, anima di San Pio X

Ennesimo grave lutto nell'Arcidiocesi udinese. Oggi è mancato don Tarcisio Bordignon, storico parroco della comunità udinese di San Pio X. Don Bordignon, ospite della Fraternità sacerdotale, era ricoverato in ospedale dopo aver contratto il Covid-19.

Nato a Palmanova nel 1930, a luglio don Tarcisio aveva festeggiato il ragguardevole traguardo dei 90 anni. Fu ordinato sacerdote nel 1955: quest’anno aveva celebrato il 65° di sacerdozio. Appena ordinato fu inviato a Latisana come vicario parrocchiale, ruolo che ricoprì fino a quando, nel 1958, l’allora Arcivescovo monsignor Zaffonato lo nominò cappellano di Cave del Predil prima (fino al 1962), e di Tarcento poi.

Nel 1968 divenne parroco a San Pio X, una comunità giovane che ha guidato fino a quando, nel 2014, gli succedette don Paolo Scapin.

La data delle esequie non è stata ancora fissata.

Si tratta della quinta vittima legata al focolaio Covid scoppiato nella Fraternità di via Ellero, dopo la morte di monsignor Efrem Tomasini, monsignor Elia Piu, don Elio Nicli e don Giovanni Ribis.

"Esprimiamo tutto il nostro profondo cordoglio per la scomparsa di don Tarcisio Bordignon, un modello di accoglienza", sono le parole del consigliere regionale Furio Honsell. "Fu il primo a Udine ad accogliere gli ultimi che venivano dal Sud del mondo in cerca di lavoro, presso i locali della sua parrocchia. Fu un prezioso alleato del Comune di Udine e della Questura per sistemare in alloggi decorosi chi si trovava senza nulla nella nostra città sin dai primi anni 2000. Lo ricordo una sera per discutere di alcuni progetti, a cena da lui in parrocchia, al suo consueto pasto collettivo, dove si consumava il cibo che i supermercati consegnavano gratuitamente perché in procinto di scadenza e quindi ritirati dalla vendita. Il suo messaggio di umanità senza se e senza ma è una delle esperienze più autentiche che ebbi il privilegio di vivere come Sindaco a Udine. Il suo esempio ci accompagni nel futuro".

"Ciao, don Tarcisio!",sono le parole di Salvatore Spitaleri su twitter. "Chissà quanti pellegrini della vita che hai aiutato incontrerai in Paradiso. Sei stato il volto dell'accoglienza e della fraternità a Udine di una Chiesa che profuma delle sue pecore, anticipando anche quanto il Papa ci indica".

0 Commenti

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori