Home / Cronaca / Secondo successo per l'Apu, che ferma Treviglio

Secondo successo per l'Apu, che ferma Treviglio

Al debutto sul parquet del Carnera, Udine s'impone per 86-80

Secondo successo per l'Apu, che ferma Treviglio

Primo successo casalingo per l’Apu Old Wild West Udine contro la BCC Treviglio (86-80), che dà continuità alla vittoria di sette giorni fa a Mantova. I bianconeri conquistano altri due punti preziosi al termine di un incontro deciso soltanto nei minuti finali. Prestazione da incorniciare per Dominique Johnson, miglior realizzatore per l’Apu con 22 punti.

Senza Andrea Amato, fuori causa per una tonsillite, e John Paul Onyekachi Agbara, presente in panchina ma ancora in fase di riabilitazione per il grave infortunio patito alla spalla destra, coach Matteo Boniciolli manda in campo il quintetto formato da: Giuri, Johnson, Mobio, Antonutti e Foulland. In avvio Antonutti trasforma uno dei due liberi concessi per fallo di Nikolic (1-0) e Sarto firma la prima tripla dell’incontro (1-3). L’Apu riconquista subito il vantaggio e a metà periodo conduce con cinque punti di vantaggio (15-10), trascinata da un ispirato Antonutti. Treviglio reagisce con Nikolic e Frazier che a 2 minuti e 42 secondi dalla prima sirena firma la tripla del 17-17. La formazione di Boniciolli riparte con maggiore energia e convinzione e nel giro di 90 secondi si porta sul +9 (26-17) grazie alle realizzazioni di Deangeli, Johnson, e Italiano. A 22 secondi dalla fine del periodo i bianconeri toccano il +10 grazie alla tripla di Giuri (29-19) e chiudono la frazione sul 29-21.

In avvio di secondo quarto i padroni di casa tornano sul +10 con Italiano a segno a gioco fermo (31-21) e dopo un minuto e 30 secondi di gioco la tripla di Giuri vale il +12 (37-25). A metà periodo i bianconeri sembrano avere il pieno controllo dell’incontro (43-29), ma la squadra di Cagnardi è tutt’altro che arrendevole. In poco più di due minuti le triple di Sarto, Nikolic e Pepe riportano gli ospiti a -1 (45-44). A interrompere il buon momento di Treviglio è la tripla di Deangeli a 2 minuti e 13 secondi dall’intervallo lungo (48-44). Nel finale Johnson mette a segno i canestri del 53-46 con i quali termina la prima parte del match.

Il terzo periodo si apre con la tripla del “solito” Pepe, la quinta (53-49), seguita dal canestro di Nikolic che riporta in corsa gli uomini di Cagnardi (53-51). L’Apu rialza subito la testa e il canestro di Pellegrino a 4 minuti e 21 secondi dalla terza sirena (62-55) sembra dare la definitiva di scossa. Sono, invece, i bergamaschi a dimostrare più lucidità sotto canestro e nel giro di due minuti dal -7 si portano sul +1 (62-63). Foulland ristabilisce la parità a un minuto e 10 secondi dalla terza sirena (65-65), ma gli avversari riescono a chiudere la frazione in vantaggio (66-67).

Anche l’ultimo periodo si apre all’insegna dell’equilibrio: si combatte punto a punto. Dopo quasi tre minuto di gioco le squadre viaggiano appaiate (69-69). Stessa situazione a metà periodo con Pellegrino che firma il 71-71 e un minuto dopo Johnson riporta avanti i bianconeri (73-71). Ed è lo stesso numero 3 bianconero a mettere a segno la tripla del +5 (79-74) a 2 minuti e 27 secondi dal termine del match. Vantaggio ribadito da Deangeli a un minuto e 25 secondi dall’ultima sirena (81-76). Dieci secondi dopo Frazier commette il quinto fallo su Italiano ed è costretto ad abbandonare il campo. Nazzareno realizza i due tiri liberi (83-76), ma la partita rimane aperta. Sarto e Taddeo accorciano (83-80), Italiano realizza due liberi pesantissimi a 27 secondi dalla fine (85-80) e quello decisivo dell’86-80 con il quale termina l’incontro.

APU OLD WILD WEST UDINE – BCC TREVIGLIO 86-80 (29-21, 53-46, 66-67)

APU OLD WILD WEST UDINE: Johnson 22 punti, Deangeli 10, Antonutti 8, Mobio, Agbara ne, Foulland 15, Giuri 10, Nobile 3, Pellegrino 6, Italiano 12, Azzano ne. All. Matteo Boniciolli.
BCC TREVIGLIO: D’Almeida 4 punti, Sarto 13, Nikolic 18, Reati 2, Amboni ne, Corini ne, Bogliardi, Manenti ne, Frazier 9, Pepe 26, Taddeo 2, Borra 6. All. Devis Cagnardi.
Arbitri: Dionisi, Calella, Morassutti.
Usciti per cinque falli: Frazier.

0 Commenti

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori