Home / Cronaca / Udine, ritardo negli avvisi per la Tari

Udine, ritardo negli avvisi per la Tari

Il Comune segnala problemi nella fase di avvio del nuovo appalto per quanto riguarda stampa, imbustamento e recapito

Udine, ritardo negli avvisi per la Tari

Riguardo al recapito degli avvisi Tari in scadenza al 30 ottobre prossimo l'Amministrazione segnala che vi sono alcuni problemi nella fase di avvio del nuovo appalto per quanto riguarda la loro stampa, imbustamento e recapito. All'appaltatore individuato dagli Uffici tramite gara pubblica svolta a livello nazionale, a cui hanno concorso soggetti in possesso dei requisiti di capacità tecnica previsti ex lege, sono già stati puntualmente contestati i disservizi anzidetti.

L'Amministrazione informa che non si tratta di carenze gestionali di Net Spa, che non ha svolto o svolge alcun ruolo, nel caso specifico, e che resta invece, come sempre, a disposizione dei contribuenti per informazioni e chiarimenti sugli importi dovuti e quant'altro attiene alla "gestione amministrativa" della Tari.

L'Assessore Laudicina ringrazia gli Udinesi che preoccupati di non poter effettuare il  pagamento entro la scadenza di fine ottobre hanno segnalato da qualche giorno al Servizio Entrate di non aver ricevuto l'avviso Tari con il relativo bollettino di versamento: ciò fa loro onore prima di tutto come cittadini e poi come contribuenti.

L'Assessore, inoltre, comunica che il pagamento effettuato in ritardo di qualche giorno, non essendo imputabile a negligenza del contribuente, non determinerà l'applicazione di sanzioni e/o interessi a carico dello stesso.

"La disorganizzazione del Comune sulla raccolta rifiuti e sulla Tari è completa", denuncia la consigliera dem Cinzia Del Torre. "Il disagio del porta a porta voluto dalla Giunta, la mancanza di cestini per deiezioni canine e sigarette, i sacchi di rifiuti accumulati ai bordi delle strade in tutto il centro e ora la cittadinanza costretta a pagare l'intera tariffa 2020 in un solo mese, ovvero tra i 30 ottobre e il 3 dicembre. Sempre che i bollettini vengano finalmente consegnati".

"Il ritardo non è accettabile anche perché il Comune conosceva il Piano Economico Finanziario per approvare la tariffa Tari già il 10 luglio. La Giunta avrebbe, quindi, potuto prevedere scadenze più dilazionate per i pagamenti, ma purtroppo non sono stati in grado di portare la decisione in Consiglio Comunale fino alla fine di settembre. Oggi siamo alla fine di ottobre e la disorganizzazione è totale", conclude Del Torre.

0 Commenti

Economia

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori