Home / Cultura / ‘Fieste de Patrie, al via i preparativi

‘Fieste de Patrie, al via i preparativi

Udine. A ospitare il clou delle celebrazioni per i 943 anni sarà la stessa capitale del Friuli. Il 3 aprile rappresenta un momento importante per ripensare in chiave moderna le forme di autogoverno

‘Fieste de Patrie, al via i preparativi

Aperto il ‘cantiere’ per l’annuale per la Fieste de Patrie dal Friûl. A ospitare l’evento che celebra la nascita dello Stato patriarcale, di cui ricorrono i 943 anni, sarà quest’anno la città di Udine. Ma lo sguardo è già rivolto oltre. Infatti, la giunta regionale ha già definito le sedi che ospiteranno la festa i prossimi due anni. Tenuto conto del criterio dell’alternanza tra le tre province friulane, dopo che l’anno scorso fu scelta Gorizia, nel 2021 le manifestazioni principali si svolgeranno nel comune di Vito d’Asio, mentre l’anno successivo in quello di Capriva. Per il suo significato, il 3 aprile rappresenta un momento importante per rievocare e ripensare in chiave moderna le forme di autogoverno e rappresentatività che, per molti anni, hanno caratterizzato la Patria friulana.
A sostenere l’edizione 2020, che è precisamente la numero 43, sempre la giunta regionale ha determinato il sostegno per la realizzazione di manifestazioni culturali per la celebrazione della principale ricorrenza friulana da parte di enti locali in collaborazione con le Pro Loco e altri soggetti pubblici e privati, mettendo a disposizione un totale di 35mila euro, su un fondo complessivo di 55mila euro messo a disposizione dell’Agjenzie regjonâl pe lenghe furlane (Arlef). Possono accedere agli stessi tutti gli enti locali aventi la propria sede legale in uno dei comuni compresi nei territori delle ex province di Gorizia, Pordenone e Udine. Sono finanziabili le attività culturali tese a valorizzare le origini, la cultura e la storia di autonomia del popolo friulano: iniziative volte a far conoscere e approfondire la lingua, la storia e la cultura friulane, rendendo partecipi soprattutto i giovani; iniziative volte a far conoscere la letteratura e l’editoria in lingua friulana; rappresentazioni teatrali e concerti musicali di qualità, in lingua friulana; acquisto e diffusione di bandiere del Friuli. Le attività culturali possono essere realizzate, dal 16 marzo al 12 aprile 2020, da un singolo ente locale oppure da aggregazioni di enti.
Domenica 5 aprile a Udine, capitale del Friuli, le celebrazioni prevedono la manifestazione civile con la lettura della bolla imperiale istitutiva dello Stato patriarcale, il passaggio della bandiera dal vecchio al nuovo comune ospitante e gli interventi delle autorità. Nel pomeriggio sarà celebrata la messa in lingua friulana officiata dai rappresentanti delle tre diocesi friulane. Di seguito saranno realizzate iniziative culturali con l’intento di far conoscere a fondo le numerose sfaccettature della lingua e della cultura friulana.

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori