Home / Cultura / Ad Annamaria Fanzutto il Premio Bujesità

Ad Annamaria Fanzutto il Premio Bujesità

Venerdì 23 ottobre, a Santo Stefano di Buja, si terrà la cerimonia di consegna

Ad Annamaria Fanzutto il Premio Bujesità

Va ad Annamaria Fanzutto il Premio Bujesità, giunto alla settima edizione. Venerdì 23 ottobre alle 20.30, alla Casa della Gioventù in Strade dal Pleva a Santo Stefano di Buja, si terrà la cerimonia di consegna del premio.
La serata è stata organizzata dal Cai sezione di Gemona, sottosezione Buja, con un ricodo dell'alpinista bujese Angelo Ursella nel 50mo anniversario della scomparsa e una breve storia della Sottosezione Cai Buja.

Annamaria Fanzutto, è nata e vive a Buja dove per tanti anni ha lavorato come maestra elementare e dove, fin da giovane ha affinato l’arte del disegno e dell'acquarello, della terracotta e della ceramica, frequentando gli studi degli artisti bujesi (pittori, scultori,medaglisti, poeti). Ha seguito corsi di perfezionamento sia per la scultura in terracotta che per l’acquerello e l’acrilico, con artisti italiani e stranieri. Le partecipazioni a numerose mostre personali e collettive in Italia, Austria e Slovenia, hanno evidenziato un grande consenso per la sua produzione artistica e un corale apprezzamento soprattutto per il coinvolgimento emotivo che le sue creazioni suscitano. Le sue opere si trovano in varie collezioni private e pubbliche sia in Italia che all’estero. Le sue creazioni consolidano la memoria della friulanità bujese, segno di appartenenza alla sua comunità e di rispetto di valori indelebili e delle sue tradizioni culturali ed artistiche che lei stessa si è dedicata a tramandare alle nuove generazioni dentro e fuori la scuola. Delicatezza e bellezza della nostra natura emanano dai suoi acquarelli. Le sue figure femminili, emblema della vita, con i loro corpi e le loro mani suscitano emozioni profonde, ricordano impegno e tenacia di donne che conoscono il lavoro e la fatica ma anche dolcezza e tenerezza, protezione e speranza. La stessa intensa forza poetica e il profondo spirito di solidarietà umana animano le figure dei suoi gruppi scultorei di persone in cammino.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori