Home / Economia / Polese presenta il piano di concordato

Polese presenta il piano di concordato

L'impresa di costruzioni di Sacile, finita nei mesi scorsi in difficoltà economiche, punta a continuare l'attività

Polese presenta il piano di concordato

E’ stato presentato oggi al Tribunale di Pordenone il Piano di concordato preventivo in continuità della Polese di Sacile, impresa di costruzioni finita, nei mesi scorsi, in difficoltà economiche. Difficoltà che avevano costretto l'azienda ad abbandonare il cantiere del nuovo ospedale di Pordenone e della cittadella della salute di via Montereale. A subentrarle è stata la Cmb di Carpi, che proprio con la Polese aveva costituito un’associazione temporanea d’impresa.

“Il Piano - spiega l’avvocato Enrico Bevilacqua, che segue la Polese per il concordato - prevede che l’azienda continui a operare, garantendo il pagamento per il 100% delle somme dovute ai creditori privilegiati e il 37% di quelle spettanti ai creditori chirografari. Sul piano occupazionale sono 22 i dipendenti che continueranno a lavorare, mentre altre 22 persone, con accordo sindacale, hanno preso in parte la strada del prepensionamento, in parte hanno trovato una nuova collocazione”.

“Due persone andranno in pensione - spiega Ranko Simidjioski, della Filca Cisl di Pordenone - il 31 gennaio. Le altre 20 sono già state ricollocate in altre imprese edili del Friuli occidentale, grazie alle professionalità maturate e i tanti corsi di formazione seguiti nel tempo”.

Nata nella prima metà degli Anni ’70, la Polese ha rappresentato un caposaldo dell’edilizia del Friuli occidentale e non solo. Tra le opere realizzate in passato ci sono il comando provinciale dei Carabinieri di Pordenone, il teatro Verdi di Gorizia, ristrutturazioni di scuole e alloggi di edilizia popolare nel Pordenonese, in provincia di Udine e in Veneto.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori