Home / Family / Incidente con un animale selvatico, cosa fare?

Incidente con un animale selvatico, cosa fare?

Consumatori Attivi ci spiega come tutelarci da questi sinistri e come chiedere il risarcimento danni

Incidente con un animale selvatico, cosa fare?

Quest’anno, più che mai, il mezzo maggiormente utilizzato per spostarsi per le vacanze, ma non solo, è stata l’auto. Abbiamo percorso strade di città, di paesi, di valli, strade romantiche in mezzo alle colline, strade infinite costeggiate da campi o distese di prati e strade irte e tortuose in montagna tra boschi e pendii. Non di rado in questo viaggiare s'incontrano animali selvatici che, se nella maggior parte dei casi sono una piacevole sorpresa, alcune volte distraggono la nostra attenzione dalla guida o peggio, si concludono con un fatale epilogo. Caprioli, volpi, tassi, fagiani, cinghiali, cervi possono trasformare il viaggio in macchina e non solo... in una tragedia.

Ma allora come tutelarsi? Ce lo spiega la presidente di Consumatori Attivi, Barbara Puschiasis. "Sicuramente la prima regola è quella di rispettare sempre i limiti di velocità che possono consentire di arrestare il veicolo in sicurezza prima dell’eventuale impatto con l’animale selvatico".

"L’attenzione alla guida del veicolo deve essere sempre altissima e anche le mani sul volante devono essere posizionate in modo tale da assicurare un'ottimale presa dello stesso anche in caso di impatto. Ovviamente, importanti sono tutti i presidi di sicurezza del veicolo quali cinture di sicurezza - che devono essere sempre allacciate - nonché gomme, freni e ammortizzatori in buone condizioni. Auto ben strutturate in queste situazioni possono salvare la vita e altre, più fragili, invece possono diventare una vera e propria trappola", prosegue Puschiasis.

"Ma nel caso in cui l’impatto con l’animale selvatico non possa essere evitato, se ci sarà modo di fare la conta dei danni...questi saranno risarciti/indennizzati? La Corte di Cassazione ha avuto modo, recentemente, di ritornare sul punto, facendo chiarezza sulle responsabilità dell’ente pubblico per i danni cagionati da animali selvatici".

"In particolare, in applicazione dell’art. 2052 c.c. ha precisato come sia onere del danneggiato provare che il pregiudizio lamentato sia stato causato dall'animale selvatico. Sarà necessario, dunque, che il danneggiato dimostri la dinamica del sinistro e il nesso di causalità tra la condotta dell'animale e l'evento dannoso subito, oltre che l'appartenenza dell'animale stesso a una delle specie oggetto della tutela di cui alla L. n. 157 del 1992, o, comunque, che si tratti di animale selvatico rientrante nel patrimonio indisponibile dello Stato", spiega ancora Consumatori Attivi.

"Quando si tratta di danni conseguenti all’impatto tra un veicolo e un animale selvatico la prova che il danneggiato sarà tenuto a dare per far valere le proprie ragioni risarcitorie riguarda diversi aspetti: la presenza dell'animale sulla carreggiata, l'impatto tra l’animale e il veicolo, l’avere compiuto il possibile per evitare il danno attraverso una condotta di guida corretta".

"La Regione, di cui la fauna selvatica è patrimonio, invece, può essere esonerata da responsabilità nel sol caso in cui dimostri che il fatto è avvenuto per "caso fortuito", essendo la condotta dell'animale stata posta del tutto al di fuori della sua sfera di possibile controllo. La Regione dovrà, dunque, provare che si è trattato di una condotta dell’animale che non era ragionevolmente prevedibile e/o che, comunque, non era evitabile, anche tramite l'adozione delle più adeguate e diligenti misure di gestione e controllo della fauna, concretamente esigibili in relazione alla situazione di fatto".

"Importante è ricordare come sia previsto che la Regione Friuli Venezia Giulia eroghi fondi per l’indennizzo dei danni causati dalla fauna selvatica ai veicoli. I criteri, le modalità e i termini per la presentazione della richiesta di indennizzo sono previsti dal regolamento attuativo del 2018. La domanda dovrà comunque essere inoltrata dal danneggiato compilando un apposito modulo entro e non oltre 20 giorni dal sinistro. L’indennizzo massimo che può essere riconosciuto è pari all’80% del danno e non può superare la somma di 5mila euro... troppo pochi nel caso di tali tipologie di sinistri! Qualora concluso il riparto degli indennizzi da erogare si accertino ulteriori risorse disponibili, le stesse saranno ripartite in maniera proporzionale fra coloro che hanno subito danni superiori a 5.000 euro. L’indennizzo sarà erogato entro il 30 aprile dell’anno successivo a quello in cui si è verificato il sinistro e previa perizia. Ci sono anche specifiche polizze assicurative attivabili dal cittadino che coprono tali sinistri. Ma la prima regola, lo ribadiamo, resta comunque la prudenza alla guida!", conclude Puschiasis. "Come sempre, nel caso in cui abbiate necessità di aiuto, non esitate a contattarci al 3473092244 oppure scrivendoci una e.mail a info@consumatoriattivi.it".

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Green

Life Style

Gli speciali

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori