Home / Gusto / Sapori Pro Loco fa assaggiare il meglio del Friuli

Sapori Pro Loco fa assaggiare il meglio del Friuli

Presentata la quattordicesima edizione della kermesse a villa Manin

Sapori Pro Loco fa assaggiare il meglio del Friuli

Quattordicesima edizione per Sapori Pro Loco, la grande manifestazione che dal 16 al 17 e dal 22 al 24 maggio metterà in mostra e all’assaggio il meglio della produzione enogastronomica tipica del Friuli Venezia Giulia a Villa Manin di Passariano di Codroipo. Oggi, nella sede della Regione a Udine, è stato presentato ufficialmente il programma, che vede la conferma della partnership con l’Ersa (Agenzia regionale per lo sviluppo rurale) e un momento significativo che valica i confini regionali come il Consiglio nazionale dell’Unpli, con consiglieri rappresentanti di Pro Loco che arriveranno da ogni parte d’Italia a Villa Manin. Insieme Valter Pezzarini presidente del Comitato regionale del Friuli Venezia Giulia dell'Unione Nazionale delle Pro Loco d'Italia (presenti anche il vicepresidente Antonio Tesolin e il consigliere nazionale Unpli Marco Specia), è intervenuto il vicepresidente della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia Sergio Bolzonello, che ha lodato il sistema delle Pro Loco quale colonna del turismo regionale e ha dichiarato quanto d'eccellenza e professionale sia l'organizzazione di Sapori Pro Loco. Con lui nel rimarcare la vicinanza della Regione alla manifestazione anche il presidente del Consiglio regionale Franco Iacop e il consigliere regionale Agnola. Insieme a loro Maria Lisa Valoppi (consiglio d’amministrazione Azienda Speciale Villa Manin), Sonia Venerus (coordinamento delle attività di ricerca e sperimentazione ERSA FVG), Franca Merluzzi (coordinatrice dell’Istituto regionale per il Patrimonio Culturale), Giuseppe Morandini (presidente della Cassa di Risparmio del FVG), Michele Bregant (direttore generale di Turismo FVG), Feliciano Medeot (direttore della Società Filologica Friulana) e in rappresentanza del Comune di Codroipo Walter Piacentini.

GLI OBIETTIVI

L’organizzazione è a cura del Comitato dell’Unpli Friuli Venezia Giulia (che racchiude 236 Pro Loco). “Quest’anno - spiega il Presidente del Comitato Valter Pezzarini - puntiamo ad attrarre anche il flusso di visitatori che transiteranno per la regione in direzione dell’Expo di Milano, nonché turisti da Austria e Slovenia, uniti al nostro pubblico tradizionale che trova in Sapori Pro Loco un modo per compiere un vero e proprio tour del gusto del Friuli Venezia Giulia nel prato di Villa Manin, centro culturale della regione. Infatti sarà rappresentato l’intero territorio regionale, dalla Carnia fino all’Isontino, compresi Friuli collinare, medio e occidentale oltre alla Bassa friulana. Il tutto grazie all’impegno del sistema regionale delle Pro Loco, vivo e appassionato grazie ai suoi oltre 22 mila volontari che ogni giorno, per tutto l’arco dell’anno, sono uno degli assi portanti del turismo in Friuli Venezia Giulia con gli eventi e sagre che organizzano, custodi delle tradizioni del territorio. Eventi che si svolgeranno dopo Sapori Pro Loco e che all’interno della manifestazione avranno un proprio spazio promozionale: il visitatore avrà la possibilità di essere informato e di scegliere tra centinaia di essi, per scoprire luoghi ricchi di storia e di cultura, vivere emozioni a diretto contatto con la natura, degustare le tipicità proposte direttamente dai produttori”.

NUMERI 2015
Sono 43, dalle Alpi all'Adriatico, le Pro Loco presenti con le proprie specialità negli stand della manifestazione: di queste 6 sono nuove rispetto all'edizione dello scorso anno, di cui 3 esordienti assolute (Valtramontina – Tramonti di Sotto, Buja e Pozzo di Codroipo). Proporranno al pubblico oltre 100 piatti (sono per la precisione 107) più i vini del territorio nell'Enoteca regionale. Una trentina gli eventi collaterali tra mostre, concerti, visite guidate e convegni lungo i giorni della manifestazione, mentre sono sette gli appuntamenti di approfondimento sui prodotti locali gestiti con l'Ersa.

INCONTRI CON L’ERSA

L’Ersa, l’Agenzia per lo sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia, proporrà una serie di incontri di approfondimento sulle produzioni tipiche della regione. S'inizia con gli olii extravergine regionali e approccio al loro assaggio (16 maggio) e le produzioni ortofrutticole del comprensorio della Carnia (17 maggio con il Crita e la Comunità montana della Carnia). Il 23 maggio, in collaborazione anche con l'Università di Udine, dimostrazione della lavorazione del formaggio e ricotta, in contemporanea con la presentazione del progetto sul formaggio Montasio di malga e pianura realizzato solo con latte di pezzata rossa italiana. A seguire, sempre con l'Università friulana, la filiera della birra artigianale in Friuli Venezia Giulia, con degustazione. Il 24 maggio insieme all'Associazione italiana sommelier del Friuli Venezia Giulia breve corso di approccio al vino mentre a seguire focus sulla carne di pezzata rossa italiana e sulla trota regionale, sempre con l'Università di Udine.

IL CONSIGLIO NAZIONALE

Durante il secondo fine settimana di Sapori Pro Loco, Villa Manin ospiterà sabato 23 maggio il Consiglio nazione dell’Unione tra le Pro Loco d’Italia: attesi numerosi consiglieri da tutta la Penisola, a partire dal presidente Claudio Nardocci. “Sarà un momento significativo - ha aggiunto Pezzarini - per far conoscere loro la nostra regione e le sue eccellenze: Sapori Pro Loco ha già “stuzzicato” la curiosità dei consiglieri per la qualità organizzativa e la quantità di prodotti locali, tanto che qualcuno di loro ha preannunciato la sua presenza a partire già da venerdì 22 maggio”.

LE PRO LOCO, I SAPORI

Saranno un centinaio i piatti tutti da gustare, dagli antipasti al dolce. Tra essi anche ricette locali rinomate come il frico, in tutte le sue varianti grazie a varie tipologie di formaggi e condimenti, o i cjarçons, la pasta ripiena tipica della Carnia, ma anche altre riscoperte e valorizzate proprio in vista delle manifestazioni territoriali, come per esempio le pomelle, frittelle di mele, o la torta con la crema di castagne. E poi carne e pesce per tutti i gusti, paste e orzotti, verdure e frutti di qualità. Tra le novità la raza (anatra) proposta dalla Pro Loco di Staranzano, il baccalà (gnocchi e alla vicentina) della Pro Loco Quadrifoglio di Visinale, il tris di Limousine (carne salada di manzo, proposta in tre varianti) della Pro Loco Fiore dei Liberi di Premariacco, il Pistum e lo spezzatino di cervo della Pro Loco Valtramontina di Tramonti di Sotto. Ci sono anche la fornita Enoteca regionale - con i migliori vini del territorio selezionati durante la Fiera regionale dei vini di Buttrio e la Mostra concorso vini Doc Bertiûl tal Friûl - gestita dalle Pro Loco di Bertiolo e Buttrio noti centri di produzione vitivinicola, e l’apprezzato chiosco-bar.

I PREZZI E L’AMBIENTE

I piatti dei menù saranno accessibili alle tasche di tutti, grazie a un listino a prezzi popolari. Sapori Pro Loco è inoltre ecosostenibile visto che piatti, bicchieri e posate sono compostabili.

EVENTI PER TUTTI

Fondamentale la collaborazione con l'Azienda speciale di Villa Manin, che manterrà visitabili durante la manifestazione le mostre attualmente in corso (a partire da quella sull’Avanguardia russa) e il parco del complesso dogale. In programma anche diversi concerti, insieme all'Usci e all'Anbima che rappresentano rispettivamente i cori e le bande del Friuli Venezia Giulia, all'associazione culturale Percoto canta, oltre al progetto Tiere di Savôrs, Tiere di Musiche che racchiude il meglio della produzione musicale tradizionale della regione, in collaborazione con Radio Onde Furlane. Spazio anche al folclore in collaborazione con l’Unione Gruppi Folcloristici del Friuli Venezia Giulia e la Società Filologica friulana nell'ambito della Settimana della cultura friulana del 2015. E poi le carrozze dell'Afac per percorrere il parco di Villa Manin, il Carnevale artistico di Paularo che proporrà un'inedita rappresentazione artistica con la sfilata delle Maschere di Ravinis, il concerto della civica orchestra Verdi di Trieste, l’esposizione d'arte del 17 e 24 maggio En plein air e lo spettacolo pirotecnico di chiusura. Inoltre visitabili anche gli altri musei di Codroipo: quello delle carrozze a San Martino e quello archeologico in centro città.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori