Home / Gusto / Webinar internazionale sul futuro del caffè

Webinar internazionale sul futuro del caffè

Giovedì 28 maggio scambio virtuale tra America Latina ed Europa per fare il punto sulla filiera al tempo del Covid

Webinar internazionale sul futuro del caffè

Il Segretariato per lo sviluppo di Risaralda (Colombia) e l’Associazione Caffè Trieste, con Unido Itpo e il coordinamento della società italiana ABCNet, organizzano per giovedì 28 maggio, dalle 16.30 alle 18.30 (ora italiana), un webinar internazionale aperto a tutti con l’obiettivo di fare il punto della situazione nella filiera del caffè e approfondire quali sono i risvolti e le opportunità della crisi portata dal Covid-19.

Saranno sei i panel di approfondimento in cui si alterneranno relatori colombiani e italiani, professionisti del settore e rappresentanti delle istituzioni, che si interrogheranno su come l’emergenza attuale sta influenzando l’economia del caffè e le abitudini di consumo, i mercati e le forme di vendita, le tecnologie e i sistemi di credito. Al termine ci sarà spazio per domande e approfondimenti.

Si vogliono proporre alcune direttrici dal punto di vista della domanda e del consumo di caffè, partendo dal fatto che con l’obbligo del distanziamento il consumo fuori casa ha subito un importante blocco e ora deve organizzarsi in maniera nuova, con differenze tra Paese e Paese, andando a impattare su tutta la filiera. Diventa dunque fondamentale per la riprese comprendere al meglio quali sono stati, finora, gli effetti sia sulla produzione sia sul consumo in modo da poter valutare al meglio le soluzioni proposte.

Il webinar è rivolto a tutti coloro che sono parte della filiera del caffè: dalla produzione alla trasformazione, dall’importazione alla vendita; ma anche le istituzioni e le associazioni di categoria a tutti i livelli, gli istituti di credito e il mondo cooperativo.

Risaralda rappresenta la regione colombiana d’eccellenza per la coltivazione del caffè; si trova all’interno di un’area più vasta chiamata “Eje cafetero” e comprende tre dipartimenti specializzati nelle produzioni agroindustriali, tra le quali il caffè è la punta di diamante. Da qui parte la riflessione sull’impatto economico e sociale portato dalla crisi legata al Covid-19 e la spinta per interrogarsi su nuove strade politiche e commerciali da percorrere per poter garantire un reddito alle oltre 500.000 famiglie colombiane che lavorano nel settore.

In occasione del TriestEspresso Expo del 2016 la delegazione di Risaralda ha stretto un importante e fruttuoso rapporto istituzionale con l’Associazione Caffè Trieste, ospitando una missione commerciale nel 2017 e tornando in visita a Trieste nel 2018.

L’Associazione giuliana dal 1891 sostiene le aziende che lavorano nella lunga filiera del caffè e la cultura che ruota intorno a questo prodotto. In particolare, a Trieste, promuove l’organizzazione dell’evento biennale per i professionisti TriestEspresso Expo e dell’evento annuale per i consumatori Trieste Coffee Festival. Fabrizio Polojaz, che ne è Presidente dal 2015, nasce in una famiglia di importatori di caffè crudo, dove inizia la propria carriera professionale per poi entrare nel mondo della torrefazione nel 1989 fino ad arrivare a fondare nel 2008, sempre a Trieste, insieme ad alcuni colleghi nel 2007 la torrefazione artigianale Primo Aroma.

L’apertura dei lavori verrà annunciata dal Governatore Víctor Manuel Tamayo Vargas (Risaralda, Colombia), l’Ambasciatore della Colombia in Italia Gloria Isabel Ramirez Rios, la Direttrice Unido Italia Diana Battaggia e dal Presidente Associazione Caffè Trieste Fabrizio Polojaz.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori