Home / Il Friuli / Il Friuli in edicola, venerdì 2 ottobre 2020

Il Friuli in edicola, venerdì 2 ottobre 2020

Il Friuli in edicola, venerdì 2 ottobre 2020

Dirigenti pagati oro - Cassa integrazione? Ferie forzate? Rischio di licenziamento? Non nella pubblica amministrazione, dove c’è una casta che non soffre la crisi. Solo la Regione ne conta oltre 100 con stipendi fino a 155mila euro all’anno

Sui boiardi della Regione splende sempre il sole - AL SICURO. Sono un centinaio i dirigenti che gestiscono il lavoro nel palazzo. Oltre a contare su lauti stipendi, non risentono di alcuna crisi o emergenza, come invece avviene per il resto della comunità
La recessione economica innescata dalla pandemia sta colpendo molto pesantemente il mondo del lavoro, facendo segnare livelli imprevisti di ricorso alla cassa integrazione, mentre la perdita di posti di lavoro è stata finora limitata dal blocco imposto per legge che però sta per scadere. Tutti guardano all’arrivo dei fondi europei che si auspica siano impiegati per sostenere un cambio di passo capace di cancellare i molteplici fattori che hanno rallentato il Paese evitando il solito assalto alla diligenza.
Leggi il resto nel numero in edicola

L’emergenza Covid 19 riapre la forbice - PERCHÈ AI LAVORATORI PUBBLICI VA MEGLIO. La recessione economica sta colpendo più duramente i redditi dei lavoratori nel settore privato dove il posto di lavoro non è garantito
Rispetto alla prima decade del secolo, quando la forbice tra stipendi del pubblico e del privato era cresciuta in maniera impetuosa, anche a causa di vari interventi presi per limitare la spesa pubblica, presi anche nella nostra regione negli anni scorsi, ora le differenze, che pure restano, sono meno marcate.
Leggi il resto nel numero in edicola

Guerra dichiarata agli alieni che ci invadono - SPECIE INVASIVE. Piante e animali, spesso liberati in natura o importati, stanno mettendo a dura prova la nostra biodiversità. E la Regione corre ai ripari
La nostra regione è speciale anche dal punto di vista naturalistico, perché si tratta di un territorio ricco di biodiversità, anche grazie al fatto che si tratta di una sorta di corridoio biologico che mette in comunicazione area balcanica e area alpina, lungo il quale transitano animali di ogni genere, spesso impegnati nel colonizzare nuovi territori.
Leggi il resto nel numero in edicola

Supermercati alleati del Nue 112 - PALMANOVA. La catena Despar distribuirà 50mila depliant per sensibilizzare clienti, dipendenti e studenti sull’importanza del numero unico per le emergenze e per reclutare nuovi volontari della Protezione Civile
Dopo la collaborazione con le questure per la divulgazione nei punti vendita Despar, Eurospar e Interspar di materiali di prevenzione e sicurezza annunciata nei giorni scorsi, Aspiag Service diventa la cassa di risonanza di un altro importante messaggio lanciato dalla Protezione Civile regionale relativo al corretto utilizzo del numero unico di emergenza, il 112, e alla grande importanza che ricopre la figura del volontario all’interno di una comunità.
Leggi il resto nel numero in edicola

Corsa alle terme anche da fuori regione - PRESTAZIONI MIRATE e nuovi servizi hanno portato lo stabilimento rinnovato al successo. Per rispondere a tutte le richieste, dal 5 ottobre l’orario di apertura sarà ampliato
Le Terme Romane di Monfalcone, la cui preziosa acqua sgorga a 38/39° da 2mila anni, si confermano sempre più un punto di riferimento per le cure e il benessere. Gli utenti e la richiesta di prestazioni sono in continuo aumento, tanto che l’apertura si adegua: da lunedì 5 ottobre l’orario sarà ampliato, fin dalle 7 del mattino e nella pausa pranzo, fasce particolarmente richieste da chi lavora.
Leggi il resto nel numero in edicola

Le storie mai narrate dei nostri grandi fiumi - IL TAGLIAMENTO E L’ISONZO al centro di due progetti artistici originali: ad Artegna le foto ‘a volo ‘uccello’ di Eugenio Novajra, a Gorizia il punto di partenza di un viaggio multimediale e interattivo
Sono i due corsi d’acqua più importanti della regione, e non solo. Il Tagliamento, con i suoi quasi 170 km, rappresenta il fiume alpino con la minore modificazione antropica di tutta l’Europa e proprio per salvaguardarne la tipicità e il ruolo di ‘principale corridoio ecologico della regione’ è stata avviata una raccolta di firme per farlo entrare nell’elenco dei Patrimoni mondiali Unesco.
Leggi il resto nel numero in edicola

Sulle tracce di Ugo Pellis - FILOLOGICA FRIULANA. Il primo congresso dopo il lockdown si tiene a Fiumicello Villa Vicentina, comune che diede i natali al celebre linguista che viaggiò lungo l’Italia all’inizio del ’900
Per il suo XCVII Congresso la Società Filologica Friulana si dà appuntamento quest’anno a Fiumicello Villa Vicentina, per la prima volta in questa comunità nei cent’anni di storia dell’istituto. “Sarà un’occasione di festa per la Filologica e per tutta la friulanità – spiega il presidente Federico Vicario – e il primo grande evento della società dopo il lockdown per l’emergenza sanitaria, a dimostrazione della volontà di superare la pandemia e le paure, di non fermarsi e di guardare al domani con serenità e speranza”.
Leggi il resto nel numero in edicola

Niente pubblico in sala, ma in tutto il mondo - ‘LE GIORNATE DEL CINEMA’ scelgono lo streaming per una ‘edizione limitata’, ma non meno ricca. Una riflessione sul tempo che viviamo grazie ai viaggi ‘virtuali’ e nel tempo offerti dalle pellicole delle origini
Mancherà l’atmosfera internazionale che ogni anno a ottobre si respira a Pordenone con l’arrivo di centinaia di esperti e cinefili da ogni parte del mondo per un festival unico. L’attuale situazione non ha reso però possibile un’edizione ‘in presenza’ delle Giornate del Cinema Muto. E allora sarà il festival, con la complicità della piattaforma di streaming MYmovies, a raggiungere il proprio pubblico attraverso il web.
Leggi il resto nel numero in edicola

La pandemia trasforma casa e città - TENDENZE E SOLUZIONI. Capacità di adattamento e nuovi orizzonti domestici e urbani sono le necessità emerse nel lockdown con le quali dobbiamo continuare a confrontarci
La pandemia che abbiamo vissuto – e stiamo ancora vivendo – ha cambiato drasticamente e radicalmente molte abitudini di vita. Per confermarlo basti un dato: “Durante il lockdown l’adesione allo smart working è stata del 90% e tutt’ora continua a essere alta visto che oggi le presenze in sede sono intorno al 20%” scrive in proposito Il sole 24 ore.
Leggi il resto nel numero in edicola

Stagione nuova, grane vecchie - L’INIZIO DEL CAMPIONATO mostra l’Udinese con gli stessi dubbi e le perplessità di dodici mesi fa. Il Covid ha influito relativamente: le strategie di base sono rimaste le stesse
Dove eravamo rimasti? Poco importa, siamo ancora lì. I più se lo aspettavano, ormai il trend di una società che sembra aver abbassato l’asticella è lo stesso da 7 anni. Attorno molte cose sono cambiate, e questo in parte potrebbe giustificare l’evidente ridimensionamento che l’Udinese si è data.
Leggi il resto nel numero in edicola

Il cucchiaio neolitico - PALÙ DEL LIVENZA. L’ultima campagna di scavi ha fatto scoprire oggetti di uso quotidiano di oltre 5.500 anni fa
Palù di Livenza in comune di Caneva, iscritto nei Siti palafitticoli preistorici dell’arco alpino del Patrimonio mondiale dell’Unesco, è un archivio archeologico di straordinaria ricchezza e complessità sulla vita nelle aree umide friulane nel corso del Neolitico. L’ultima campagna di scavo ha confermato l’esistenza di tre villaggi palafitticoli sovrapposti tra loro e separati da brevi episodi di abbandono, che hanno restituito materiali e anche oggetti di uso comune che danno una ‘fotografia’ della vita di quel tempo.
Leggi il resto nel numero in edicola

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Green

Life Style

Gli speciali

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori