Home / Il Friuli / Terremoto, un mese per prevenire il rischio sismico

Terremoto, un mese per prevenire il rischio sismico

A Novembre è possibile richiedere gratuitamente una valutazione della propria abitazione

Terremoto, un mese per prevenire il rischio sismico

Il terremoto in sé non uccide. Ciò che uccide è l’edificio, quando non è costruito in modo da resistere ad un evento sismico.
Significa che, se un terremoto è un evento naturale ed imprevedibile, i suoi effetti sugli edifici e sulle persone possono essere comunque mitigati adottando misure che migliorino la sicurezza delle abitazioni.Ecco perché diventa fondamentale la cultura della prevenzione anche in tema di terremoti, promossa da Fondazione Inarcassa, Consiglio nazionale degli ingegneri e degli architetti pianificatori paesaggisti e conservatori, con il supporto scientifico del Consiglio Superiore dei Lavori pubblici, del Dipartimento Protezione civile, della Conferenza dei Rettori Università italiane e della rete dei laboratori universitari di Ingegneria sismica.

Conoscere il grado di rischio della propria casa e, laddove necessario, migliorarlo attraverso adeguate misure antisismiche è dunque il primo passo per assicurare la sicurezza per se stessi e per la propria famiglia.
C’è tempo fino al 30 novembre per richiedere una delle visite tecniche che i professionisti del settore (ingeneri e architetti esperti in rischio sismico) possono svolgere durante il ‘Mese della prevenzione sismica’. Per tutto il mese di novembre, infatti, migliaia di professionisti andranno nelle abitazioni dei cittadini che ne avranno fatto richiesta per fornire una prima informazione sullo stato di rischio degli edifici e sulle possibili soluzioni finanziarie (Sisma Bonus ed Eco Bonus) e tecniche per migliorare la sicurezza delle abitazioni. E lo faranno volontariamente, attraverso il coordinamento degli Ordini di appartenenza, consapevoli dell’importanza del proprio ruolo tecnico per la messa in sicurezza del Paese.

Al professionista basterà registrarsi alla piattaforma, con indicazione delle proprie disponibilità in termini di giorni, orari e distanza dal luogo di esercizio della professione, e partecipare a un breve percorso formativo diretto ad aggiornarlo in materia e a rendere omogenee le modalità di svolgimento delle visite. Se ha preso parte alla prima edizione, il modulo formativo si limiterà alle sole novità normative dell’ultimo anno riguardanti il SismaBonus.

Ciascun cittadino (proprietario, affittuario, titolare di diritto, amministratore di condominio) potrà richiedere in modo semplice e diretto una visita informativa per una prima valutazione del rischio dell’immobile, inserendo sulla stessa piattaforma i propri dati e le proprie preferenze in termini di giorni e orari. Il sistema informatico pianificherà automaticamente le visite tenendo conto sia delle disponibilità del professionista sia delle preferenze inserite dal cittadino in sede di richiesta. Il professionista si farà successivamente carico del contatto e della gestione della visita tecnica informativa.
Nel corso della visita il professionista raccoglierà ulteriori dati inerenti all’immobile per fornire, alla conclusione, attraverso un’apposita scheda di valutazione sommaria e un applicativo dedicato, una prima indicazione circa le condizioni di rischio dell’abitazione.
A ogni utente saranno, inoltre, date informazioni sulla prevenzione del rischio sismico e sulle agevolazioni finanziarie (Sisma Bonus ed Eco Bonus) messe a disposizione dallo Stato per migliorare la sicurezza della casa. Le visite tecniche informative saranno effettuate senza alcun onere per il cittadino.

Il Sistema pianificherà automaticamente le visite tenendo conto sia delle disponibilità del professionista sia delle preferenze inserite dal cittadino in sede di richiesta. Il professionista si farà successivamente carico del contatto e della gestione della visita tecnica informativa.
Nel corso della visita il professionista raccoglierà ulteriori dati inerenti all’immobile per fornire, a conclusione della visita, attraverso un’apposita scheda di valutazione sommaria ed un applicativo dedicato, una prima indicazione circa le condizioni di rischio della sua abitazione. Al Cittadino saranno, inoltre, date informazioni sulla prevenzione del rischio sismico e sulle agevolazioni finanziarie (Sisma Bonus ed Eco Bonus) messe a disposizione dallo Stato per migliorare la sicurezza della casa. Le visite tecniche informative saranno effettuate senza alcun onere per il cittadino.
 

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Green

Life Style

Gli speciali

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori