Home / Life Style / Preparate il cestino, è tempo di pic-nic

Preparate il cestino, è tempo di pic-nic

Grande voglia di organizzare un'uscita fuori porta. Ecco i consigli (molto pratici e semplici) di Annalisa Sandri

Preparate il cestino, è tempo di pic-nic

La bella stagione invita a organizzare un picnic fuori porta, mare o montagna che sia! E allora non possono mancare i consigli dalla mia amica, esperta in cucina, Annalisa Sandri ideatrice del blog di cucina per indecisi “Manca il sale” e conduttrice dell’omonima trasmissione su Telefriuli.

Annalisa, fermo restando che un panino farcito è sempre una buona idea, cosa si può mettere nel cestino del picnic?
“Per prima cosa, meglio preferire le monoporzioni che risparmieranno la fatica di dover portare tutto il necessario per porzionare le cibarie. Ritengo che siano molto carini (ed eco-friendly!) i vasetti in vetro da utilizzare come piatti, perché conservano perfettamente il cibo e sono riutilizzabili. Quindi, si potrebbe iniziare con del cous cous, che nel vasetto in vetro monoporzione ha il suo perché! Propongo uno con le verdure arrostite oppure il cous cous con mele, mandorle e pollo: entrambi molto sfiziosi.
Che dire, poi, delle polpette?! Sono indiscusse reginette di ogni picnic che si rispetti. In questo caso la monoporzione viene da sé e, soprattutto, si mangiano con le dita. Si potrebbero preparare quelle di pollo, piccole e deliziose, oppure le polpette indiane, dal sapore speziato. Volendo si può anche portare una salsina per l’intingolo, anche questa in un vasetto di vetro (magari di quelli formato mignon). Un’ottima idea potrebbe anche essere quella di preparare delle uova alla scozzese: uova sode ‘rivestite’ con carne e poi panate. Più che buone… buonissime! E soprattutto perfette per le occasioni all’aria aperta”.

E come dolce?
“Dovrà essere monoporzione anche questo: dei muffin al doppio cioccolato, ad esempio, oppure sempre in tema cioccolato dei quadrotti di brownies”.

Alternative per chi ha gusti diversi?
“Nel cestino si potrebbero mettere piccoli panini, magari quelli con i semini in superficie, oppure dei semplici grissini. Molto pratici e sfiziosi da portare a un picnic sono anche i cubetti di formaggio: magari di tre o più tipi, dal più fresco al più stagionato. Un’idea ‘veggy e diet’ potrebbe essere quella di mettere nel cestino dei bastoncini di verdure fresche - carote e sedano sono perfetti - da sgranocchiare così in purezza, oppure da intingere in un pinzimonio già pronto”.

E da bere?
“Bottiglie d’acqua, meglio quelle da mezzo litro che sono più gestibili, ma anche una bottiglia di limonata o del tè. Se poi c’è un festeggiamento in corso, ci vuole una buona bottiglia di vino. Infine ricordatevi un thermos con caffè, sarà un fine pasto davvero tanto piacevole”.

Infine, qualche consiglio per gli accessori?
“Non può mancare una tovaglia carina, tovaglioli in tinta e bicchieri! E una bella coperta sulla quale distendersi e appoggiare le varie vettovaglie. Se, come me, venite aggrediti dagli insetti… ricordatevi la lozione anti-zanzare oppure candeline di citronella che renderanno subito molto romantico il vostro picnic”.

0 Commenti

Cultura

IL CONCORSO

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori