Home / Politica / 'Alla giustizia servono risorse, non decreti'

'Alla giustizia servono risorse, non decreti'

L'analisi del senatore Dal Mas (FI) al termine dell’audizione in commissione del ministro Alfonso Bonafede

'Alla giustizia servono risorse, non decreti'

"La notizia tendenziosa e allarmistica della scarcerazione di pericolosi boss mafiosi al 41 bis, alla fine risultati tre e non trecento; la polemica pretestuosa con Di Matteo. La povertà del dibattito sulle misure alternative al carcere e l’indegna situazione dei penitenziari, l’annunciata e non attuata assunzione dei 600 magistrati. Quei pasticciacci brutti di via Arenula generati da una inutile bulimia normativa a cui non sono seguiti atti concreti”. A dirlo, il senatore di Forza Italia Franco Dal Mas al termine dell’audizione in commissione Giustizia del ministro Alfonso Bonafede.

“Di molto possiamo accusare Bonafede, ma non di essere un neo-trattativista. La polemica sulle scarcerazioni dei boss è stata una fake news che ha avuto come conseguenze due decreti che non hanno fatto altro appesantire inutilmente il lavoro delle Procure – spiega il senatore friulano -. Così come strumentale è stata la polemica alimentata da un magistrato risentito per una mancata nomina. Ma ciò non toglie dal tavolo la pila di questioni aperte: la scarsa attenzione alle misure alternative alla detenzione e il sovraffollamento degli istituti di pena, spesso in condizioni indegne di un paese civile impongono una riflessione ma soprattutto interventi concreti. E invece si continua a varare decreti inutili o al più insufficienti. E’ il caso dell’assunzione di 600 magistrati, di cui ho chiesto conto oggi, per cui ancora non si sono visti i bandi. Se vogliamo fare passi avanti servono risorse umane e materiali e, perché no?, meccanismi di gestione aziendale nell’amministrazione della giustizia”, conclude Dal Mas

0 Commenti

Cronaca

Economia

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori