Home / Politica / 'Iran, no alla distruzione fosse comuni della strage del 1988'

'Iran, no alla distruzione fosse comuni della strage del 1988'

Lizzi (Lega) annuncia un’interrogazione all’Alto rappresentante per chiedere se sia al corrente della volontà del governo iraniano

'Iran, no alla distruzione fosse comuni della strage del 1988'

“Il governo iraniano vuole distruggere le fosse comuni dislocate nel paese, così da eliminare per sempre la prova dello sterminio dell’estate del 1988 quando l’allora ayatollah Ruhollah Khomeini ordinò il massacro di più di 30 mila prigionieri politici. Ancora ad oggi nulla è stato fatto da parte della Comunità Internazionale per far luce sulla tragedia e rendere giustizia alle migliaia di studenti universitari e attivisti politici brutalmente uccisi e poi sotterrati nelle numerose fosse comuni. Inoltre, l’assassinio a Ginevra dell’ambasciatore Kazem Rajavi del 1990, impegnato a fare chiarezza sul massacro del 1988, rende la situazione ancora più allarmante anche alla luce delle dichiarazioni dello l’ayatollah Montazeri, secondo cui i responsabili rivestono ancora importanti incarichi all’interno dell’Establishment iraniano. Ad oggi non vi è una piena consapevolezza internazionale delle esecuzioni avvenute nel 1988 a causa dell’impunità riservata ai responsabili della strage e al fatto che il regime iraniano persiste nel negare che gli omicidi siano avvenuti. Pertanto ho chiesto all’Alto Rappresentante quali azioni intenda adottare per far luce su questi crimini, così da dare finalmente giustizia e verità alle famiglie delle vittime e quali sanzioni intenda attuare nei confronti dell’Iran, sulla base delle misure già intraprese dagli Stati Uniti”. Lo scrive in una nota l’europarlamentare della Lega Elena Lizzi annunciando un’interrogazione all’Alto rappresentante per chiedere se “è al corrente della volontà del governo iraniano di distruggere le fosse comuni dello sterminio del 1988”.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori