Home / Politica / 'Tpl, Fedriga non paga i debiti alle aziende di trasporto'

'Tpl, Fedriga non paga i debiti alle aziende di trasporto'

Liva (Pd): "Con le aziende nella bufera, la Giunta Fvg nega le risorse dovute"

'Tpl, Fedriga non paga i debiti alle aziende di trasporto'

"La Giunta Fedriga continua a non pagare i debiti alle aziende di trasporto pubblico e nemmeno si degna di rispondere alle interrogazioni che chiedono con quali tempi intendono pagare il dovuto. Nel frattempo si parla di trasporti nella bufera, con studenti stipati negli autobus, mezzi non attrezzati adeguatamente per il Covid, corse che mancano e continui disagi per l’utenza. E' una vicenda da chiudere al più presto. Anche i Comuni soci non esitino a esercitare il loro ruolo, richiamando senza tentennamenti la Regione ai suoi obblighi". Così il responsabile Economia del Pd Fvg Renzo Liva torna a denunciare la situazione in cui si trova l'Atap, ma anche la Saf Autoservizi (ora Arriva Udine) e Trieste Trasporti, alle quali la Regione Fvg non ha riconosciuto i trasferimenti dovuti, pari rispettivamente a un milione e trecentomila euro, 6 e 8 milioni. Le risorse sono state versate dallo Stato alla Regione, quale restituzione di oneri per il personale conseguenti all'aumento del contratto collettivo.
"Malgrado l'obbligo di rispondere entro 60 giorni - spiega Liva - è tuttora inevasa l'interrogazione 7 luglio del nostro consigliere Moretti. Nel frattempo ci sono aziende che hanno adito le vie legali con date già fissate per le udienze e altre che ci stanno ancora pensando, ma è evidentemente una situazione surreale quella che vede la Regione preferire andare in tribunale anziché saldare i debiti e fornire liquidità alle aziende di trasporto".

Per l'esponente dem "i mesi estivi e la chiusura anticipata delle scuole avrebbero consentito tempi adeguati per approntare una adeguata risposta organizzativa post Covid alle esigenze del trasporto pubblico specie extraurbano, scolastico e no. Questa è una competenza primaria del Fvg che connota la nostra specialità regionale, come la sanità".

0 Commenti

Cronaca

Economia

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori