Home / Politica / Cpr, la Lega Fvg 'difende' Gradisca

Cpr, la Lega Fvg 'difende' Gradisca

Stupiti per le dichiarazioni del Pd, gli esponenti del Carroccio prendono posizione dalla parte delle forze dell'ordine

Cpr, la Lega Fvg 'difende' Gradisca

I consiglieri regionali pordenonesi della Lega intervengono in merito alla morte del migrante avvenuta nel Cpr di Gradisca, difendendo in una nota diramata dal Gruppo l'operato delle Forze di Polizia e ribadendo la validità della struttura quale Centro permanente di rimpatrio. Dichiarandosi stupiti per quello che definiscono "l'ennesimo attacco del consigliere Pd, Shaurli, all'Amministrazione regionale sulla questione Cpr", gli esponenti leghisti ribadiscono che "il tema non è di diretta competenza della Giunta Fedriga" considerando che i Cpr vennero istituiti dall'allora ministro dell'Interno, Minniti, con la legge 46/2017, "approvata dal Partito democratico con - secondo il consigliere leghista Stefano Turchet - il silenzioso benestare dello stesso Shaurli".

"Nei Cpr - evidenzia un consigliere della Lega, Simone Polesello - vengono accolti coloro i quali devono essere espulsi e non hanno alcun diritto di rimanere su territorio italiano. Inoltre, nella stragrande maggioranza dei casi, sono soggetti con precedenti penali che minano la sicurezza dei cittadini".

Sono, quindi, altri due consiglieri leghisti, Ivo Moras e Alfonso Singh, a parlare di "presa di distanze di Shaurli dal suo stesso partito", ribadendo però "preoccupazione" per la presunta volontà attribuita al Pd Fvg "di vedere distribuiti gli attuali ospiti del Cpr su tutto il territorio del Friuli Venezia Giulia, lasciandoli liberi di circolare".

"La Giunta Fedriga - concludono insieme Polesello, Turchet, Moras e Singh - governa la Regione per renderla più sicura a tutto vantaggio dei cittadini. È quindi corretto che coloro i quali non hanno alcun titolo per restare nel nostro Paese rimangano all'interno dei Cpr".

0 Commenti

Cronaca

Economia

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori