Home / Politica / Fondamentale il dialogo sindaci-Servizio sanitario

Fondamentale il dialogo sindaci-Servizio sanitario

Si lavora per l'individuazione delle famiglie in difficoltà, alle quali garantire l'erogazione dei servizi

Fondamentale il dialogo sindaci-Servizio sanitario

"Il dialogo tra i sindaci e i servizi territoriali delle Aziende sanitarie è fondamentale per garantire, in particolare per la disabilità, l'individuazione delle famiglie in difficoltà e l'erogazione al maggior numero possibile di utenti dei centri diurni, ora chiusi, dei servizi alternativi che sono già stati avviati e di quelli che partiranno a breve". Lo ha detto il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, durante la riunione con i sindaci, i loro delegati e i referenti dei distretti sociosanitari dell'ambito afferente all'Azienda sanitaria Friuli Orientale per l'aggiornamento della situazione relativa all'emergenza coronavirus.

Il vicegovernatore ha evidenziato che, dal punto di vista sanitario, le case di riposo sono il punto di maggiore criticità e per questo si adottano strumenti d'emergenza che stanno già dando risultati. Tra questi spiccano le Unità speciali di continuità assistenziale (Usca), che consentono di fornire agli anziani cure e supporto direttamente nelle strutture residenziali, senza strapparli dal loro ambiente".

Riccardi ha quindi assicurato ai sindaci che "le strutture, come l'Hospice di San Vito al Tagliamento, che oggi ci consentono di non far rimanere in ospedale più del necessario molti soggetti deboli, una volta terminata l'emergenza torneranno al loro ruolo originario. Un altro tema fondamentale è quello della fragilità in relazione alla limitazione dei comportamenti di vita normale in questo contesto emergenziale".

In merito ai dispositivi di protezione individuale, Riccardi ha rimarcato che "questa mattina sono arrivati 2,5 milioni di mascherine, che saranno distribuiti al sistema sanitario, al personale in servizio nelle strutture residenziali per anziani e ai medici di medicina generale e ai pediatri di libera scelta. A queste si aggiungeranno altri due milioni di mascherine che dovrebbero arrivare a breve".

0 Commenti

Cronaca

Economia

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori