Home / Politica / Green Deal, Italia e Slovenia in campo

Green Deal, Italia e Slovenia in campo

L'assessore Zilli ha inaugurato oggi il workshop digitale Interreg Italy-Slovenia Cap&Com

Green Deal, Italia e Slovenia in campo

"La collaborazione pluriennale e sempre più solida tra Italia e Slovenia e il concorso sulle sfide della sostenibilità di tutti i settori dell'economia, dall'industria al turismo, dall'alimentazione alla ricerca ai trasporti, sono componenti necessarie per raggiungere gli obiettivi fissati del Green Deal europeo". È il concetto espresso dall'assessore regionale alle Finanze Barbara Zilli che ha inaugurato oggi il workshop digitale "Interreg Italy-Slovenia Cap&Com and Eu Green Deal".

"Un'Europa sostenibile, inclusiva e neutrale dal punto di vista climatico - ha rilevato l'assessore - non potrebbe essere concretizzata lavorando in modo isolato, ma solamente attraverso la cooperazione oltre i confini convenzioni umane che la Natura trascende".

Il worskshop, che riprende l'iniziativa tenutasi l'anno scorso a Bruxelles, rientra nella serie di eventi EuRegionsWeek, organizzata dalla Commissione europea e dal Comitato delle Regioni. "Sotto la guida delle strutture di gestione - ha rilevato l'assessore regionale, che ha la delega al Programma Interreg - sono state avviate buone pratiche di ambito green che dimostrano come la cooperazione tra Stati costituisca un reale valore in un contesto in cui la sostenibilità - ha aggiunto - viene promossa. Non ci limitiamo quindi ad azioni difensive di mera custodia, ma con i progetti sostenuti da Interreg promuoviamo in maniera attiva interventi che preservano il patrimonio comune dalle minacce del cambiamento climatico e dall'inquinamento delle risorse".

L'assessore ha ringraziato i protagonisti della cooperazione, l'Autorità di gestione e al Segretariato congiunto del Programma Interreg "per l'impegno profuso, durante il lockdown, nel definire i contenuti del workshop ed averlo ripensato per la gestione nella modalità virtuale assicurando contenuti innovativi e fruibilità in totale sicurezza".

Mobilità ed energia sono stati due degli asset approfonditi nel seminario articolato in oltre una ventina di interventi che hanno dispiegato progetti pilota ad ampio raggio, dall'implementazione dei collegamenti multimodali bici-bus e barca-bici allo sviluppo di soluzioni avanzate sui sistemi di illuminazione.

"Un aspetto fondamentale è che le azioni che s'incardinano nelle Politiche di coesione - ha concluso Zilli - siano di tutti per tutti e che nessuno rimanga indietro. Lo dovremo tenere sempre presente nel dibattito sugli orientamenti strategici per la costruzione del nuovo programma Interreg 2021-2027".

0 Commenti

Cronaca

Economia

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori