Home / Politica / Il Garante visita il Cpr di Gradisca: "Situazione tesa"

Il Garante visita il Cpr di Gradisca: "Situazione tesa"

Sono entrati nella struttura anche i deputati Magi (+Europa) e Serracchiani (Pd). "150 ospiti non ci possono stare"

Il Garante visita il Cpr di Gradisca:

Situazione ancora esplosiva e tesa al Cpr di Gradisca d’Isonzo dove in giornata ha fatto tappa il Garante nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale, Mauro Palma. Una visita lunga che ha consentito al Garante di ascoltare numerose voci, soprattutto dei 35 reclusi che, su 62 totali, provengono dal Cpr di Bari, già messo in ginocchio dalle numerose proteste e rivolte.

Palma ha proseguito la visita a Gorizia per controllare le ultime carte, in particolare quelle relative alla morte del georgiano Vakhtang Eukidze. Dal punto di vista delle indagini non c’è ancora nessun indagato, mentre l’autopsia sul corpo del 38enne è stata programmata per mercoledì. Il Procuratore Capo di Gorizia, Massimo Lia, ha piena fiducia su chi sta portando avanti le indagini.

“Abbiamo avuto rassicurazioni che queste situazioni si impegnano a tenerle sotto controllo e mi sembra decisivo” ha rimarcato il Garante all’uscita dalla struttura dopo più di tre ore trascorse all’interno. “Sul caso specifico c’è l’autorità giudiziaria che indaga. Le condizioni interne possono essere state determinanti di alcuni comportamenti, come le rivolte, ma ora possono agire per riportare la calma in questo posto. Rispetto al problema politico più in generale, ovvero all’utilità che questi centri rappresentano, è necessario a livello di legislazione nazionale. A noi interessa che secondo la legislazione esistente tutte le persone abbiano tutelati i loro diritti come persone e secondo quanto sancito dalla costituzione”.

Sul caso specifico del georgiano deceduto, “abbiamo avuto una forte collaborazione con tanti dati e abbiamo sentito le persone in maniera autonoma o privata senza alcun impedimento. Dialogando con l’autorità giudiziaria, anche perché mi costituirò parte offesa nel procedimento, come tradizionalmente faccio nei casi di morte negli istituti penitenziari, avrò anche accesso agli atti e potrò seguire il procedimento”, prosegue Palma.

Sulla figura del georgiano gli altri reclusi al garante hanno sottolineato come sia stata “una persona non facile, problematica che, comunque, aveva avuto fino al suo rimpatrio, che era non accompagnato, ovvero senza alcun problema che, però si è creato verso gli ultimi giorni, quando ci sono stati dei cambiamenti forti”.

Per quanto riguarda i lividi e le botte che gli altri reclusi hanno affermato di aver visto sul corpo del georgiano, Palma sottolinea come “saranno le perizie sull’uso della forza che è stato utilizzato a stabilirlo. Sicuramente si trattava d'interrompere un momento di aggressione nei confronti di un’altra persona”.

Secondo quanto riferito sempre dall’interno della struttura, il georgiano morto e il suo compagno di cella stavano cercando di rompere una divisione in plexiglass che avrebbe potuto diventare pericolosa. All’invito delle forze dell’ordine di disfarsene, il compagno di cella si era da subito attivato, facendo scaturire l’ira del georgiano che gli si era scagliato contro. Da lì l’intervento degli agenti.

Sulle condizioni degli utenti la struttura è “nella media. Questa, rispetto ad alcune che sono più arretrate dal punto di vista edilizio, ha il tutto più nuovo. Il problema è se sono le strutture adeguate a far rimanere persone fino a sei mesi, cosa che accade. Sono strutture che erano state pensate per periodi più brevi, gli stessi spazi non possono andar bene”.

A visitare il Cpr nello stesso giorno del Garante nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale anche il deputato Riccardo Magi di +Europa e la deputata dem Debora Serracchiani. “Era importante entrare perché bisogna spiegare cosa sono veramente diventati i Cpr. Nella logica iniziale avevano un’altra funzione – precisa Serracchiani - mentre a oggi dopo i decreti sicurezza, che hanno aumentato i tempi di permanenza, sono cambiati. Vanno messe risorse perché non si può pensare che una gestione così complessa sia portata avanti da così poche persone e non sempre preparate”.

Sul caso specifico della morte del georgiano, la deputata dem sottolinea come “bisogna lasciar lavorare l’autorità giudiziaria. Le istituzioni ci sono e sperano che sia fatta massima chiarezza”. Sulle 150 ospiti che la struttura dovrebbe raggiungere fra qualche settimana la deputata osserva come “non ci possono stare. Per quanto sia una struttura logisticamente migliore ha bisogno di regole chiare. Parlerò col ministro Lamorgese e presenterò un’interrogazione anche sull’applicazione delle regole che non sempre sono uguali per tutti: in alcuni casi, ad esempio, i cellulari vengono sequestrati, in altri no. Bisogna fare chiarezza – conclude – soprattutto perché si parla di persone”.

Magi, dal canto suo, ricorda come “molti degli ospiti prendono calmanti e psicofarmaci, gli spazi comuni e di svago, come il luogo mensa o il campo da calcio, non sono utilizzati. C’è una situazione di degrado che stupisce perché è una struttura nuova. Queste sono strutture che dovrebbero chiudere il prima possibile, strutture di detenzione amministrativa dove le persone vivono nelle gabbie. C’è chi ha commesso reati e chi, invece, è solo in una situazione di irregolarità amministrativa, c’è chi ha lavorato per anni e chi ha una famiglia”.

Dopo aver parlato con alcuni ospiti del centro, soprattutto sugli eventi degli scorsi giorni, “ho ritrovato una convinzione unanime con tutti coloro con cui ho parlato. Di sicuro non è stata la colluttazione che il georgiano ha avuto con un altro ragazzo molto giovane ad avergli provocato delle conseguenze gravi. Questo è chiaro”.

“Ieri – prosegue Magi – prima che potessi entrare per l’ispezione, nel reparto dove si trovava il cittadino georgiano sono stati sequestrati i cellulari e non sono stati ancora restituiti. Nella struttura c’è tanta tensione e non c’è un servizio adeguato a gestire questa situazione, non solo per l’ente gestore ma perché una situazione del genere non si sostiene: le persone fanno fatica a parlare con i loro legali e non ricevono informazioni, ci sono tantissimi atti di autolesionismo, sono tagliati sulle braccia, sull’addome e situazioni di tensione quotidiane, più situazioni al giorno. Quello che è avvenuto, secondo le testimonianze che ho raccolto, non può essere stato causato da quella colluttazione”, conclude Magi.

1 Commenti
giopa

PD E COMPANY: non rappresentanti del popolo ma solo ed esclusivamente di profughi e c. Degli altri chi se ne frega. Situazioni esplosive e pericolose ma avanti, accogliamoli tutti, non importa dove e come, non importa se vengono calpestati i diritti di altri. Nausea e schifo.

Cronaca

Economia

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori