Home / Politica / Maltempo, ai Comuni i procedimenti amministrativi

Maltempo, ai Comuni i procedimenti amministrativi

Riccardi: "Il piano Zamberletti 2.0 entra nel vivo dell'operatività. Al via 260 interventi che impegneranno, nel 2019, i primi 104 milioni di euro"

Maltempo, ai Comuni i procedimenti amministrativi

"Il piano Zamberletti 2.0 entra nel vivo dell'operatività, perseguendo un percorso di attivazione di 260 interventi che impegneranno, nel 2019, i primi 104 milioni di euro per ripristinare i danni causati dal maltempo. L'Unità operativa della Protezione civile è pronta: domani mattina inizieranno i contatti con i comuni per far partire le procedure relative ai cantieri". Lo ha dichiarato il vicepresidente, con delega alla Protezione Civile, Riccardo Riccardi, incontrando questo pomeriggio ad Arta Terme ottantasei dei novantuno sindaci dei Comuni interessati dal maltempo di ottobre.

La Regione, per accelerare le opere di ripristino nelle zone del Friuli Venezia Giulia colpite dal maltempo dello scorso autunno, ha adottato un metodo che coniuga efficacia e innovazione, frutto delle esperienze di gestione delle crisi degli ultimi anni. "Un metodo - ha detto Riccardi - figlio della storia che questa regione ha alle spalle, e che abbiamo sintetizzato con il nome di Zamberletti 2.0 perché coniuga velocità di intervento ed efficacia, nell'ottica di arrivare prima possibile al risultato, ma con un contemporaneo grande lavoro di controllo dei procedimenti e della qualità, che stanno in capo alla Protezione civile".

Il percorso prescelto per accelerare le risposte attese dai cittadini ai fini del ripristino dei danni del maltempo, prevede l'istituzione di un'Unità di supporto, che darà tutto l'appoggio ai Comuni per velocizzare per pratiche: il tempo per la verifica e la 'liberazione' di una pratica da parte della Protezione civile è stato infatti fissato in un massimo di sette giorni.

La novità di questo percorso sta nel fatto che i procedimenti di gestione degli appalti saranno lasciati in capo ai Comuni, semplificando le pratiche di affidamento delle opere, ma mantenendo in capo alla Protezione Civile la parte relativa alla gestione economica e la parte di controllo e validazione.

Poiché si tratta di molti procedimenti di piccola entità, la modalità operativa scelta andrà ad alleggerire i Comuni di un importante numero di pratiche; e nel caso di piccoli Comuni di montagna, questo è un elemento sicuramente decisivo per non incidere sulla sostenibilità dell'intero piano.

L'obiettivo che la Protezione civile regionale si è data, ha specificato il vicepresidente, è di avviare tutti i lavori finanziati entro il prossimo 30 settembre.

Si tratta di ultimare circa 260 procedimenti, per un valore complessivo di 104 milioni di euro, che oltre ai Comuni vedranno coinvolti nell'operatività anche Fvg Strade, PromoTurismo Fvg, le Direzioni regionali delle Risorse agricole e forestali, dell'Ambiente e alla Protezione civile.

L'incontro, ha permesso a Riccardi di recepire dai sindaci e dai rappresentanti degli uffici tecnici dei Comuni suggerimenti e proposte, fornendo, assieme ai tecnici della direzione regionale della Protezione civile, chiarimenti e delucidazioni in merito a "una partita complessa che ci vedrà impegnati nel fornire risposte adeguate che auspichiamo diventino modello per il futuro".

0 Commenti

Cronaca

Economia

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori