Home / Politica / Positivo confronto sull’Ecobonus

Positivo confronto sull’Ecobonus

Confartigianato, Cna, Api, Lega Coop e Confcooperative hanno fatto il punto con l'assessore Bini

Positivo confronto sull’Ecobonus

Si è svolto oggi un incontro chiesto da Confartigianato, Cna, Api, Lega Coop e Confcooperative con l’assessore alle Attività produttive, Sergio Emidio Bini, sull’avvio dell’operatività dell’Ecobonus, che ha registrato una forte reazione negativa a livello nazionale e regionale delle Associazioni di categoria, culminata nella richiesta di esercitare un'azione nei confronti del Governo perché l’art. 10 del Decreto crescita venga rimosso.

L’incontro si è svolto alla vigilia dell’importante dibattito previsto per domani in Consiglio regionale sulla mozione n. 107, in merito all'urgenza di una revisione del Decreto Crescita presentata dal gruppo Patto per l’Autonomia. L’assessore Bini ha voluto affrontare la questione con i diretti interessati per condividere la forte preoccupazione della realtà imprenditoriale formata da piccole imprese che rischiano di sparire di fronte all’impossibilità di beneficiare dei vantaggi dell’Ecobonus per la limitata capacità fiscale e di liquidità.

Bini ha assicurato l’impegno a unirsi alla richiesta avanzata da più parti nei confronti del Governo di superare tale previsione legislativa, ma ha anche anticipato che, in occasione della legge di Stabilità regionale, sarà presentato un emendamento che vuole aprire un percorso a livello locale per dare una risposta in grado di sopperire al gap provocato dal Decreto nazionale.

In questa fase è chiaro che non è possibile delineare nel dettaglio le misure che si intendono adottare, ma c’è la forte volontà di verificare la possibilità di orientare gli strumenti finanziari esistenti a sostegno delle imprese per assicurare la liquidità necessaria e la capienza fiscale per compensare il credito d’imposta. Le associazioni di categoria presenti hanno apprezzato la chiara volontà dell’assessore di affrontare concretamente questa delicata questione e, nel contempo, si sono impegnate a creare le condizioni affinchè l’intervento regionale possa trovare rispondenza tecnica in strumenti comuni attivati dalle stesse associazioni.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori