Home / Salute e benessere / Inclusione sociale con gli amici a quattro zampe

Inclusione sociale con gli amici a quattro zampe

L'esperienza del Centro Socio Occupazionale per persone con disabilità de il Piccolo Principe di Casarsa

Inclusione sociale con gli amici a quattro zampe

Al Centro Socio Occupazionale per persone con disabilità de il Piccolo Principe di Casarsa della Delizia l'integrazione si fa anche attraverso gli amici a quattro zampe.

Infatti, da alcuni mesi gli utenti del centro stanno sperimentando un percorso denominato “Insieme senza barriere”, finanziato dalla Fondazione Friuli, con l'associazione I cani del sorriso di Valvasone.

Attraverso le carezze e il contatto con gli animali si lavora per l’inclusione delle persone con disabilità nell'ottica di migliorarne la concentrazione, la comunicazione, le capacità di relazione e l'affettività. Il percorso è iniziato a maggio e ora, tra settembre e ottobre, si sta svolgendo la seconda parte delle attività. Ad essere coinvolti sono quattro persone ad ogni incontro, le quali, accompagnati dagli educatori del Centro, si recano al campo cinofilo, in via Tabina a Valvasone Arzene, dove incontrano i volontari dell'associazione e i loro cani addestrati.

“Ogni cane ha delle particolarità specifiche che sono strumentali al raggiungimento di determinati obiettivi di crescita personale dei ragazzi che partecipano", ha spiegato Marika Bisceglia, educatrice del Cso. "Il percorso sta dando ottimi risultati. Una persona che ha sempre avuto molta paura dei cani, grazie a questa esperienza è riuscita a mettersi in gioco e superarla e per alcuni si sta addirittura pensando di sperimentare percorsi di agility dog e rally obedience".

"Insieme senza barriere" dell'associazione I Cani del sorriso è un progetto nato proprio per coinvolgere tutte le persone con disabilità. “Un'esperienza bellissima", conclude Bisceglia. "L'accoglienza del luogo, la cordialità e la professionalità degli istruttori e dei volontari, il ritrovarsi in un posto all’aperto e informale, la forza, capacità e pazienza del cane a trasmettere e veicolare emozioni e sensazioni, sono elementi che danno valore aggiunto a questo progetto che abbiamo amato fin da subito e che finora ci ha dato davvero tanto. Per questo ringraziamo i volontari dell'associazione per la passione che ci hanno trasmesso e per il tempo che ci hanno dedicato".

Il Centro socio occupazionale de Il Piccolo Principe nel 2017 ha celebrato i suoi 20 anni di attività come centro semi-residenziale diurno per le persone adulte con disabilità. La sua vocazione è da sempre la comunità territoriale: il centro vuole essere non solo una porta verso l’esterno ma anche un volano per generare connessioni, fare rete e mantenere relazioni.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori