Home / Salute e benessere / Pordenone perde un altro primario

Pordenone perde un altro primario

Conficoni (Pd): "La Giunta sblocchi le assunzioni anche nel personale, solo così si abbattono le liste d'attesa"

Pordenone perde un altro primario

"Nei giorni scorsi anche il primario di radiologia dell'ospedale Santa Maria degli Angeli, Silvia Magnaldi, ha lasciato il suo incarico. Con le sue dimissioni sono dunque salite a 20 le strutture prive di un direttore titolare. Una situazione, questa, inaccettabile, destinata entro pochi mesi a peggiorare e per la quale non si vede ancora una risposta da parte della Giunta Fedriga". È la denuncia del consigliere regionale del Pd, Nicola Conficoni commentando la situazione della sanità nel Friuli Occidentale.

"Il fatto che ci siano ben venti primariati vacanti si scontra con la necessità di dare un servizio adeguato ai cittadini. Il Pal adottato a fine 2019, però, prevede che quest’anno vengano banditi solo 6 concorsi. Poiché questo impegno è assolutamente insufficiente, ci aspettiamo che la programmazione venga rivista. Alle positive aperture del nuovo direttore generale dell'Asfo (Azienda sanitaria del Friuli occidentale), cui auguriamo buon lavoro, devono seguire fatti concreti. Oltre ad accelerare la sostituzione dei primari, bisogna anche aumentare il personale in servizio, alla fine dello scorso anno inferiore di ben 147 unità rispetto alle previsioni, così da smaltire più velocemente le liste di attesa. Grazie all'abolizione del tetto sulla spesa ottenuta dal Pd con la stabilità nazionale, la Giunta Fedriga non ha più alibi per sbloccare le assunzioni in sanità, salvaguardando così il comparto pubblico attraverso un'adeguata dotazione organica". Infine, ricorda Conficoni "la Giunta ascolti l’appello dei sindaci che hanno chiesto maggiore equità nella ripartizione delle risorse".

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori