Home / Salute e benessere / Telefonino a distanza di sicurezza

Telefonino a distanza di sicurezza

Campi elettromagnetici - Disturbi ossessivo-compulsivi, dolori articolari, alterazioni del sonno si possono accompagnare all’uso eccessivo e improprio del telefonino

Telefonino a distanza  di sicurezza

Nella Il 97% degli italiani possiede un cellulare, il 32% ne ha più di uno, mentre il tempo che mediamente trascorriamo davanti allo schermo o telefonando è di 4 ore al giorno.
Sono dati troppo significativi perché possano essere trascurati. E, se si analizza un fenomeno, si deve tener conto anche dei rischi connessi. Soprattutto quando l’utilizzo è eccessivo o inappropriato. Ma per molti problemi esistono anche le soluzioni, come spiega Emma Bagnato, specialista nella sicurezza degli ambienti di lavoro e domestici, che invita proprio a usare il cellulare in maniera da ridurre i rischi.
“I campi elettromagnetici sono onde che attraversano la materia, comprese alcune parti del nostro corpo – spiega il medico -. Un telefono cellulare è fonte di onde elettromagnetiche. In questo caso le onde hanno una ‘forza’ che si disperde nel giro di un paio di centimetri. Così l’uso dell’auricolare può costituire una prevenzione. Tenere invece il cellulare sul comodino mentre si dorme di notte crea problemi di altra natura. Per esempio se abbiamo usato il cellulare fino all’ultimo istante prima di addormentarci, può succedere che nel sonno, con un meccanismo analogo a quello del sonnambulismo, possiamo mandare sms e messaggi whatsapp. Fa parte dei disturbi psichiatrici, invece, la ‘nomofobia’, uno dei disturbi ossessivo-compulsivi, cioè la costante e continua paura di non avere con sé il cellulare. È simile a un ‘tic’, invece, la cosiddetta ‘vibrazione fantasma’, che ci fa controllare continuamente lo smartphone, convinti di aver ricevuto chiamate o messaggi quando non è vero”.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori