Home / Spettacoli / La Cena con delitto approda online

La Cena con delitto approda online

Vista la chiusura dei ristoranti, le indagini del più famoso commissario della regione, Agostino Matranga, si spostano sul web

La Cena con delitto approda online

Pronti a investigare? Se i ristoranti sono chiusi, se non ci si può spostare dopo le 22, se, insomma, tutto sembra complicare il lavoro, il commissario Agostino Matranga non si scoraggia e, anzi, debutta con le sue investigazioni in versione online.

Come sempre, danno libero sfogo alla creatività e alla fantasia gli attori di Anà-Thema Teatro che, in un momento storico mai stato così difficile per il mondo dello spettacolo, cerca di reinventare il modo di fare teatro proponendo stavolta un altro avvincente appuntamento con le “Cene con delitto... online”.

Dalle sale dei ristoranti, infatti, le investigazioni del commissario più conosciuto della regione, al secolo l'attore, regista e direttore artistico della compagnia, Luca Ferri, si spostano giovedì 21 gennaio alle 20.30 direttamente nelle case dei commensali.

Simpatico lo slogan pensato per l'occasione: “Alla cena ci pensi tu, ma il crimine lo portiamo noi!”. Il pubblico infatti organizzerà per proprio conto la tradizionale cena e durante il pasto si potrà collegare tramite la piattaforma Zoom con il commissario Matranga per cercare di risolvere insieme il caso.


Per partecipare è necessario prenotarsi via email all'indirizzo info@anathemateatro.com. Dopo il pagamento tramite bonifico, si riceverà il link per connettersi ed essere in diretta sia con il commissario, ma anche con tutti gli altri gruppi investigativi.

Sono ammesse massimo 20 squadre di partecipanti e per accedere al link è necessario scaricare l'app gratuita di Zoom. La durata dello spettacolo è di un'ora e mezza e il costo è di 18 euro per squadra partecipante. Per informazioni e prenotazioni è possibile inviare una email all'indirizzo info@anathemateatro.com o telefonare al 345 3146797.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori