Home / Spettacoli / Paolo Cerchi Usai conservatore della Cineteca del Friuli

Paolo Cerchi Usai conservatore della Cineteca del Friuli

Dopo il recente acquisto dello storico Palazzo Gurisatti, dove ha sede dal 1997, un altro importante passo per la realtà con sede a Gemona

Paolo Cerchi Usai conservatore della Cineteca del Friuli

Dopo il recente acquisto dello storico Palazzo Gurisatti, dove ha sede dal 1997, la Cineteca del Friuli compie in questo inizio d’anno un altro importante passo cooptando, nel ruolo di conservatore, un amico di antica data e socio fondatore delle Giornate del Cinema Muto di Pordenone, Paolo Cherchi Usai, alla cui consulenza autorevole in materia di conservazione del patrimonio audiovisivo la Cineteca si è già rivolta in passato, in particolare in occasione dell’avvio dell’Archivio Cinema del Friuli Venezia Giulia.

“Conosciamo Paolo Cherchi Usai da oltre quarant’anni”, ricorda il presidente Livio Jacob. “A farci incontrare fu il nostro ispiratore Angelo Humouda, il fondatore della Cineteca Griffith di Genova che nell’estate del 1977 arrivò nel Friuli distrutto dal terremoto portando con sé i film che proiettammo nelle baraccopoli. Soprattutto con la nascita delle Giornate del Cinema Muto le nostre strade si sono sempre incrociate, anche se la carriera di Paolo si è svolta per lo più all’estero.”

Prima del suo incarico di alcuni mesi, nel 2020, come direttore della Cineteca Nazionale di Roma, Cherchi Usai è stato per circa vent’anni Senior Curator al dipartimento di cinema del George Eastman Museum di Rochester, di cui è tuttora Curator-at-Large, e ha insegnato come professore associato nella locale università. Fra il 2004 e il 2008 ha diretto il National Film and Sound Archive of Australia e ne è ora Curator Emeritus. Nel periodo americano ha ideato la L. Jeffrey Selznick School of Film Preservation e il Nitrate Picture Show, il primo festival al mondo sulla conservazione della pellicola, nato nel 2014. È Resident Curator del Festival di Telluride e co-fondatore del Domitor, l’associazione internazionale che promuove la ricerca sul cinema delle origini. Ha fatto parte per dieci anni del comitato esecutivo della FIAF, la Federazione Internazionale degli Archivi dei Film. Per le Giornate del Cinema Muto ha curato il pluriennale Progetto Griffith, che nell’arco di dodici edizioni (1997-2008) ha riportato sul grande schermo tutto quanto è sopravvissuto della monumentale opera del padre del cinema americano, e dal 2009 cura la sezione – rivolta in particolare alle giovani generazioni – del Canone rivisitato, che propone i classici del muto nelle migliori copie attualmente disponibili.

Libri e saggi di Paolo Cherchi Usai sono stati pubblicati in tutto il mondo e tradotti in una ventina di lingue. Fra i libri ricordiamo Silent Cinema: A Guide to Study, Research and Curatorship (2019), nuova edizione riveduta e ampliata di Una passione infiammabile: guida allo studio del cinema muto, pubblicato la prima volta nel 1991; The Art of Film Projection: A Beginner’s Guide (2019);The Griffith Project (1999-2008, 12 volumi); La storia del cinema in 1000 parole (2012), e Film Curatorship: Archives, Museums, and the Digital Marketplace (2008), oltre alle monografie su Georges Méliès, Giovanni Pastrone e D.W. Griffith pubblicate nella serie Il Castoro Cinema. È autore dei lungometraggi Passio, con musica di Arvo Pärt, presentato in prima mondiale nel 2007 al Tribeca Film Festival, adattamento cinematografico del suo libro The Death of Cinema: History, Cultural Memory, and the Digital Dark Age (BFI Publishing, 2001), pubblicato in Italia con il titolo L’ultimo spettatore (Editrice Il Castoro, 1999); e Picture, del 2015, con accompagnamento dal vivo della Alloy Orchestra, presentato anche a Pordenone.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori