Home / Sport news / Striscioni contro Nazzareno Italiano, i tifosi si dividono

Striscioni contro Nazzareno Italiano, i tifosi si dividono

Il gruppo 'Fuarce Apu' accoglie a braccia aperte il nuovo acquisto e chiede al 'Settore D' di prendere le distanze dalle scritte ingiuriose apparse fuori dal Carnera

Striscioni contro Nazzareno Italiano, i tifosi si dividono

Dividono la tifoseria friulana gli striscioni apparsi fuori dal Carnera contro Nazzareno Italiano, neo acquisto dell'Apu, 'colpevole', secondo gli ignoti che hanno realizzato le scritte, di sfoggiare un tatuaggio che richiama il suo periodo alla Fortitudo. Proprio con lo storico club bolognese, una parte dei supporter udinesi conserva un'antica rivalità, che avrebbe portato al poco accogliente benvenuto nei confronti dell'ala classe 1991, che coach Boniciolli ha conosciuto e allenato proprio sulla panchina delle 'Effe'.

Gli striscioni non sono piaciuti al gruppo 'Fuarce Apu', che lancia una petizione online per chiedere al 'Settore D' di dissociarsi dal gesto. "Noi tifosi dell'Apu", si legge, "non accettiamo che qualcuno si prenda il diritto (in maniera vigliaccamente anonima, per altro) di accogliere o non accogliere un nuovo giocatore e, in generale, che utilizzi fuori e dentro il palazzetto atteggiamenti violenti e linguaggi razzisti, omofobi e pieni di insulti contro chicchessia, come spesso avviene durante le partite".

"Siamo tutti accomunati dalla stessa passione sportiva e vorremmo condividere anche i veri valori dello sport: rispetto per l'avversario e per le persone innanzitutto!", si legge ancora nella petizione. "Siamo appassionati di basket e ci divertiamo a vedere la partita e a incitare la nostra squadra, non a offendere l'avversario, gli arbitri o altre persone: questo modo di tifare è un orribile fossile di altri tempi. Non lo vogliamo più!", tuonano ancora i supporter friulani.

"Ripartiamo da qui: noi siamo pronti a seguire il Settore D, cantare e incitare assieme la nostra squadra del cuore, a patto che si rispettino i veri valori sportivi! Siamo vicini alla società, che è vittima di questo episodio d'intolleranza; sta facendo tantissimo per riportare il basket di massimo livello a Udine e la invitiamo a isolare con forza i responsabili di questo tipo di episodi. Porgiamo delle sentite scuse a Nazzareno Italiano, che non merita una simile accoglienza da parte della città. Binvignùt a Udin Nazzareno!" concludono i tifosi del gruppo Fuarce Apu.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Tendenze

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori