Home / Tendenze / Al via i lavori di ricostruzione del canale Principale Ledra

Al via i lavori di ricostruzione del canale Principale Ledra

Approvato il progetto definitivo-esecutivo del Consorzio di Bonifica Pianura Friulana per 14 milioni di euro

Al via i lavori di ricostruzione del canale Principale Ledra

Approvato il progetto definitivo-esecutivo, a firma dell’ingegner Michele Cicuttini, il Consorzio di Bonifica Pianura Friulana dà ora il via alle procedure di gara per i lavori di ricostruzione del canale Principale Ledra, nel tratto compreso tra il nodo idraulico di Rivotta e la derivazione del canale secondario di San Gottardo (9° lotto), del valore complessivo di 14 milioni di euro.

L’opera interessa i comuni di Coseano e San Vito di Fagagna per la posa di apparecchiature elettromeccaniche per la regolazione della portata e, più in particolare, il comune di Martignacco per la ricostruzione del canale in continuità a quanto realizzato con i lotti precedenti.

“Si è data priorità a quest’opera in quanto riveste particolare importanza", informa il direttore del Consorzio Armando Di Nardo. "Con la sua realizzazione si potrà disporre di una discreta portata d’acqua derivante dal recupero delle perdite. Potenzialmente, si potrebbe estendere l’irrigazione su aree ora non servite”.

Attualmente il canale, costruito alla fine del 1800 interamente in terra, si presenta con una sezione legata alle esigenze dell’epoca di costruzione, quando le arginature erano in semplice terra battuta; l’azione combinata della spinta dell’acqua e delle scosse sismiche, però, ha prodotto nel tempo delle lesioni nelle arginature, soprattutto verso la sommità, con fuoriuscita dell’acqua e l’inevitabile erosione e trasporto del materiale terroso.

Per ripristinare la canalizzazione sarà adottata, così come per l’intera tratta che va da Ospedaletto a Rivotta, una sezione del canale a forma rettangolare con muri verticali per il contenimento delle sponde. “Il canale Principale Ledra è di tipo industriale - ricorda Di Nardo - le cui portate d’acqua non sono sempre costanti, ma possono subire sbalzi dipendenti dall’entrata in funzione o meno di impianti di derivazione e centrali di produzione di energia elettrica, che condizionano il livello dell’acqua”.

La realizzazione del canale comporterà la ricostruzione di ponti; per limitare i disagi al traffico veicolare, lungo la strada comunale che attraversa Faugnacco e la statale 464 è prevista una pista provvisoria di sorpasso, nella zona su cui si svilupperà il cantiere, e barriere laterali di sicurezza (guard-rail con parapetto o parapetti in muratura).

L’intervento comprenderà la realizzazione di rampe, cabine e punti di abbeveraggio. I lavori saranno svolti in più annualità e prevalentemente nel periodo compreso tra fine ottobre e inizio marzo, per limitare allo stretto indispensabile i periodi di asciutta del canale principale, assicurando così l’alimentazione delle condotte di Pantianicco e Basiliano che servono importanti centrali idroelettriche.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori