Home / Tendenze / Coronavirus, pronte 700 mascherine grazie a un gruppo di volontari

Coronavirus, pronte 700 mascherine grazie a un gruppo di volontari

A confezionarle i coscritti della classe 1949. Il sindaco Di Bisceglie: “Diamo una risposta diretta alle esigenze dei sanvitesi"

Coronavirus, pronte 700 mascherine grazie a un gruppo di volontari

In un contesto sociale caratterizzato dall’emergenza Covid-19 e dalla preoccupazione che scaturisce dalla situazione, emergono al contempo storie di solidarietà e altruismo che fanno bene al cuore e alla comunità di San Vito al Tagliamento. Questa storia coinvolge un gruppo di amici che riscontrata la necessità di mascherine per rispondere alle singole esigenze e la difficoltà nel reperirne un numero congruo, hanno deciso di rimboccarsi le maniche e di iniziare la produzione “in casa” - su scala ridotta ma comunque di rilievo - di mascherine in stoffa, lavabili, realizzate dalle sapienti mani di una sarta artigianale con l’aiuto di decine di persone.

A raccontare questa storia è il coordinatore dell’iniziativa, Tiziano Susanna: “Siamo un gruppo di donne e uomini della classe 1949. Molto unito. Tutti insieme abbiamo deciso di attivarci per dare corpo a un’idea, ognuno mettendosi a disposizione secondo le proprie capacità. A partire da Renata Perissinotto, una sarta esperta che si è così messa a realizzare le mascherine, una dopo l’altra, infaticabile, coadiuvata da un lavoro di squadra che ci vede tutti insieme impegnati in questa attività”. Stanno realizzando centinaia di mascherine, in parte già consegnate al Comune - Assessorato alle Politiche sociali che a sua volta le ha già messe a disposizione degli operatori dell’Ambito socio-assistenziale che stanno assistendo soggetti fragili e dei volontari che stanno operando in questo periodo di emergenza. Susanna rassicura che “siamo a disposizione di tutte quelle realtà che ne avessero necessità”.

Il tutto viene svolto in forma gratuita, grazie alla solidarietà di molti. Ad esempio parte del materiale l’ha messo la Manifattura Falomo di Morsano al Tagliamento così come il Consorzio agrario Il Gelso di Ligugnana di San Vito al Tagliamento, mentre i ferretti li ha donati la Witor’s di Gorizia attraverso il direttore Orazio Civello. Gli stessi coscritti classe 1949 di San Vito hanno messo mano al portafoglio e hanno comprato quanto ancora occorreva.

“Ringraziamo per questa bella iniziativa di alto senso civico - interviene il Sindaco Antonio Di Bisceglie -. E’ grazie a gesti altruistici come questo che prospera e si fortifica il senso di appartenenza alla comunità”.

Le mascherine finora realizzate sono oltre 700 e la prima tranche, come si diceva, è stata già consegnata ai Servizi sociali che a loro volta le hanno distribuite a tutte le assistenti che stanno operando sul territorio. Consegnate inoltre ai volontari della locale squadra di Protezione civile e alla cooperativa Il Granello. Le mascherine finora prodotte dalla classe 1949, sono destinate inoltre agli anziani, ai soggetti con disabilità, alle assistenti familiari, alle persone con necessità sanitarie e a tutte le categorie fragili o con difficoltà. Per informazioni e modalità di consegna, chiamare il numero di telefono 333 6131521, dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 12.00.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori