Home / Tendenze / I dipendenti pubblici si attivano per l'ambiente

I dipendenti pubblici si attivano per l'ambiente

Ardiss ha bandito un concorso di idee interno per il progetto 'Sostengo la sostenibilità'

I dipendenti pubblici si attivano per l'ambiente

Una sfida per cambiare e agire concretamente sulla sostenibilità ambientale e sulla quotidianità dei cittadini. È questo il senso del progetto "Sostengo la sostenibilità" con cui l'Agenzia regionale per il diritto agli studi superiori (Ardiss) ha lanciato un bando di idee interno per raccogliere le proposte capaci - a costo zero - di impattare sulla qualità ambientale dell'ente e dell'attività che amministra.

Una sfida colta con entusiasmo dai 63 dipendenti, che hanno elaborato una trentina di idee. Sei di queste sono state selezionate e presentate al pubblico a FriuliInnovazione, alla presenza degli assessori regionali all'Istruzione e lavoro e alla Funzione pubblica. L'iniziativa si poggia sulla piattaforma FoxWin, che si basa sul concetto di condivisione di idee e conoscenza per migliorare l'ambiente e le modalità di lavoro.

“PiantAlbero” di Federico Spangaro è il progetto che intende contribuire alla sostenibilità ambientale delle 12 case dello studente sparse in regione con l'inserimento di alberi nelle aree verdi circostanti. L'obiettivo è realizzare dei veri e propri campus con parchi che fungano anche da corridoi ecologici per la salvaguardia della flora e della fauna locale.

“RicaricArdiss” di Fabia Bensi mira a promuovere la mobilità sostenibile installando nei pressi dei poli universitari delle colonne di ricarica per bicilette a pedalata assistita e automobili elettriche. Il progetto si inserisce, rimodulandolo, nel piano della risistemazione delle aree esterne che ha già copertura finanziaria.

“Smoke awarness” di Fabiana Burco promuove la consapevolezza del pericolo del fumo sia per la salute degli studenti che per l'ambiente, proponendo giornate di sensibilizzazione per la raccolta su base volontaria dei mozziconi e collaborazioni con aziende che si occupano del riciclo.

“Solo moduli digitali” è il progetto di Emanuela Marchesan che punta all'eliminazione di tutta la modulistica cartacea necessaria alla richiesta dei servizi da parte degli studenti, per sostituirla con un form online di compilazione collegato anche con la posta certificata.

“Mappa del tesoro” di Mara Candusso favorisce la creazione di corrette abitudini a favore dell'ambiente già sul posto di lavoro, ricorrendo a infografiche e ad una vera e propria mappa dei contenitori per la raccolta differenziata.

Infine, “Riciclare è un gioco” di Fabio Richetti introduce una sorta di gara tra gli studenti per premiare coloro che attuano i comportamenti migliori nell'uso rispettoso dell'alloggio assegnato e della fruizione degli spazi comuni.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori