Home / Tendenze / Il sindaco 'blinda' San Vito al Tagliamento per Pasqua e Pasquetta

Il sindaco 'blinda' San Vito al Tagliamento per Pasqua e Pasquetta

L’Amministrazione comunale predispone un piano di controlli per impedire assembramenti e spostamenti non consentiti dalle disposizioni in vigore

Il sindaco 'blinda' San Vito al Tagliamento per Pasqua e Pasquetta

Anche la Polizia locale di San Vito al Tagliamento intensifica i controlli per le feste pasquali. Lo stesso premier italiano Giuseppe Conte ha ribadito a più riprese che “non siamo nella condizione di poter allentare le misure restrittive che abbiamo disposto, non possiamo abbracciare una prospettiva diversa”. E così seguendo un piano d’azione attuato fin dagli inizi dell’emergenza Coronavirus, negli ultimi giorni, su disposizione del sindaco Antonio Di Bisceglie, la Polizia locale ha intensificato i controlli sul rispetto dei limiti imposti dalla normativa per il contenimento del Covid19.

In campo  nel territorio urbano sono schierate tutte le pattuglie disponibili, coordinate e con la presenza stessa del comandante, il Commissario aggiunto Achille Lezi, per effettuare posti di controllo nei vari ambiti della cittadina, centrali e periferici. Dall’attività che stanno svolgendo, il comandante continua a rilevare un grande rispetto delle regole da parte dei cittadini, contribuendo a mantenere bassi livelli di contagio. Snocciolando qualche dato, sono quasi 3 mila i controlli effettuati dall’inizio dell’emergenza, che hanno riguardato finora 476 cittadini e 2.449 attività ed esercizi commerciali sottoposti a verifiche. Sono state elevate sanzioni a 7 cittadini (400 euro per chi gira a piedi e di 533,33 euro per chi gira in auto senza valido motivo), nessuna per le attività o esercizi commerciali e 2 persone sono oggetto di procedimento penale (sono a piede libero ma rischiano il carcere).

Proprio una delle due persone denunciate ha dato filo da torcere agli agenti nonostante avessero cercato un approccio “morbido” inizialmente. Ma non è servito a niente. Il fatto che ha messo a dura prova la pazienza della Polizia locale di San Vito si è verificato a Prodolone, quando una pattuglia della municipale ha scorto due giovani che tranquillamente passeggiavano in centro. Il primo, un ragazzo sanvitese, già noto, ha fornito le generalità ed è stato ammonito, mentre il secondo non ne voleva sapere di fornire nome e cognome. C’è stata pure una colluttazione quando ha rifiutato di salire sull’auto di pattuglia per poter essere identificato: ci sono voluti tre agenti per convincerlo ad essere accompagnato al comando di Polizia locale dove è stato poi identificato come A.B.M., queste le sue iniziali, classe 1994; è stato denunciato anche per rifiuto di generalità e resistenza a pubblico ufficiale.


prosegue a pag.2



Dai numeri si conferma dunque un’impegnativa campagna di controlli della Polizia locale in queste settimane; per Pasqua e Pasquetta verrà intensificata ulteriormente, sia nelle vie di uscita dalla cittadina sia in diversi ambiti del territorio e in particolare nelle vie di accesso al Tagliamento. Il tutto per evitare gli spostamenti non consentiti verso le case di villeggiatura o per grigliate improvvisate nella stessa San Vito. Attività che si affiancherà attivamente ai servizi di ordine pubblico disposti dalla questura.

“Sono qui a ribadire ancora una volta - afferma il Sindaco Antonio Di Bisceglie - un appello ai cittadini a non muoversi dalla propria abitazione se non per comprovate ragioni di necessità e urgenza. Dobbiamo rimanere uniti più che mai nelle proprie case per non vanificare il trend positivo di diminuzione dei valori del contagio. Un elemento che ancora di più deve responsabilizzarci nei comportamenti e nell’osservare rigorosamente le misure in atto.
San Vito al Tagliamento diventi un esempio come cittadina in questi giornate pasquali rispettando tali misure di prevenzione. Rimaniamo a casa,  i controlli saranno ancora più stringenti, soprattutto per il rispetto che dobbiamo avere per noi stessi, i nostri cari e il nostro prossimo”.

L’Assessore alla Sicurezza Piero Maronese esprime infine l’apprezzamento e il ringraziamento alla Polizia locale e alle forze dell’ordine “per il grande lavoro svolto e in corso per quell’opera di controllo del territorio basilare per una buona uscita da questa drammatica vicenda”.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori