Home / Tendenze / Nasce una rete territoriale contro la violenza di genere

Nasce una rete territoriale contro la violenza di genere

I Comuni di Aviano, Montereale Valcellina, Polcenigo, Roveredo in Piano e San Quirino fanno squadra

Nasce una rete territoriale contro la violenza di genere

Sta prendendo forma un progetto estremamente importante tra i Comuni di Aviano, Montereale Valcellina, Polcenigo, Roveredo in Piano e San Quirino in merito alla costituzione di una rete territoriale contro la violenza di genere con l'apertura di uno sportello comunale antiviolenza nei rispettivi territori.

Nei mesi scorsi i Sindaci dei 5 Comuni, aderendo all’invito della Presidente della Commissione Regionale per le pari opportunità Dusy Marcolin, si sono ritrovati per esprimere la volontà di aderire al "progetto volto alla prevenzione e alla sensibilizzazione nei rispettivi territori - spiega Dusy Marcolin - scaturito dalla necessità di favorire il lavoro che questi Comuni attraverso gli Assessori e Consiglieri delegati già fanno ma che dobbiamo rendere ancora più incisivi, anche alla luce dei disagi che emergono o che molte volte invece dobbiamo far emergere. Sono molto soddisfatta del lavoro fatto e di come i referenti dei 5 Comuni si siano immediatamente attivati. E’ certamente un forte segnale per il territorio, dove le Istituzioni, assieme, devono fare la propria parte in modo concreto volte ad implementare quanto già avviato a livello di territorio provinciale".

I referenti dei Comuni interessati si sono nuovamente ritrovati e hanno condiviso l'Atto di indirizzo che le rispettive Giunte Comunali hanno approvato o si apprestano ad approvare nei prossimi giorni.

L'obiettivo è di stilare un Protocollo di intesa da sottoporre ai rispettivi Consigli Comunali entro la fine di gennaio per rendere immediatamente operativa la rete territoriale.

E' stato avviato un proficuo lavoro di confronto con l'Associazione ZeroSuTre di Udine, per il tramite della Presidente Avv. Rosi Toffano, che si è resa disponibile a collaborare con la costituenda Rete territoriale per l'attivazione degli sportelli anti violenza a sostegno delle donne vittime di abusi e maltrattamenti che saranno aperti in modalità che verranno stabilite nel Protocollo stesso.

Afferma l'Avv. Toffano, a nome dell'Associazione ZerosuTre: "Ringraziamo del coinvolgimento nel percorso e, con entusiasmo, aderiamo al progetto proposto dalla Presidente Marcolin, perchè crediamo fermamente che si possa combattere le diverse - ma tutte orribili - forme di violenza contro le donne, solo rafforzando una efficace rete di collaborazione in tutti i territori. Riteniamo essenziale l'impegno per il quale questi 5 Enti Locali si sono resi disponibili ed il nostro lavoro - prosegue la Presidente di ZerosuTre - è sempre stato improntato alla cooperazione con le Istituzioni".

"In qualità di delegata alle Pari Opportunità del Comune di Aviano, scelto come capofila del progetto, esprimo grande soddisfazione per la collaborazione nata a livello territoriale e regionale per questo importante traguardo. E' sempre più urgente infatti aprire uno sportello anti violenza che nasce dall’esigenza di sostenere tutte le donne vittime di violenza che non devono sentirsi sole e vanno sostenute con tutti i mezzi a disposizione. Il prossimo passaggio con le referenti dei 5 Comuni sarà quello di portare nei rispettivi Consigli Comunali il Protocollo di intesa al fine di rendere operativa la rete territoriale dello sportello a sostegno delle donne vittime di abusi e maltrattamenti, al più presto!”.

"Nella seduta di Giunta di lunedì 21 dicembre 2020 - spiega l'Assessore Anna Zanolin - il Comune di Polcenigo è stato approvato l’Atto di indirizzo per la costituzione della rete territoriale contro la violenza di genere, grazie anche alla collaborazione della Commissione Pari Opportunità. L'Amministrazione Comunale è orgogliosa di poter aderire e contribuire al progetto, al fine di sensibilizzare tutta la popolazione sul tema e di dare supporto alle donne e alle bambine vittime di violenza fisica e psicologica".

"La violenza di genere è una piaga difficile da estirpare dalla nostra società, molto attuale e, purtroppo, ancora troppo diffusa. L’amministrazione comunale di Montereale Valcellina già da diversi anni organizza iniziative di sensibilizzazione sul tema della violenza contro le donne e, in generale, contro persone più deboli. Per ribadire il nostro impegno – dice il sindaco Igor Alzetta - abbiamo da subito deciso di aderire, insieme ai Comuni di Aviano, Roveredo in Piano, Polcenigo e S.Quirino, al progetto relativo allo sportello antiviolenza, finalizzato a costituire una rete territoriale contro la violenza di genere. Questo progetto, non solo ci consentirà di dare risposte ed un concreto supporto alle donne vittime violenza, ma anche di continuare nell’opera di sensibilizzazione e di educazione alle emozioni e all’affettività, coinvolgendo i cittadini, le associazioni ed, in particolare, le scuole e i nostri giovani. È nostro dovere continuare a tenere alta l’attenzione su questo tema, parlarne, ma, soprattutto, è nostro dovere agire perché non si verifichino più episodi come quelli che, anche di recente, abbiamo, tristemente, appreso".

"Di fronte alla violenza inaudita a cui abbiamo assistito alla fine di questo annus horribilis che ha colpito una nostra concittadina roveredana e letteralmente sconvolto un'intera comunità - dichiara Patrizia Pasquetti Assessore a Roveredo in Piano - non si può certo rimanere impassibili e far finta di niente. Visto che dopo la tragedia è emerso che tanti “sapevano” mi domando come non si sia potuto far nulla per evitarla. Ecco, il mio auspicio è che in futuro , a partire dalle donne stesse, ci sia una maggiore consapevolezza di tutti a “denunciare”. Per far questo però occorre che le Istituzioni, insieme alle Associazioni predispongano un'attività attenta e mirata sul territorio, avvalendosi di professionalità competenti e preparate. Questo auspico, che progetti volti alla prevenzione ma anche al sostegno e al supporto delle donne in difficoltà o vittime di violenza, possano aiutare a far sì che certi episodi non si ripetano mai più”.

Anche il Comune di San Quirino ha manifestato la sua intenzione di aderire alla rete anti violenza che "sarà oggetto di un Protocollo di intesa – spiega il Sindaco Gianni Giugovaz - che preveda l’apertura di uno sportello comunale nei rispettivi territori nelle modalità che stiamo definendo, anche con lo studio di progetti tesi al contrasto della violenza. Anche a San Quirino vogliamo occuparci e preoccuparci di sensibilizzare e dare un aiuto concreto a tutte le donne che si trovano in situazione di difficoltà”.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori