Home / Viaggi / Bibione è la prima destinazione inclusiva d'Italia

Bibione è la prima destinazione inclusiva d'Italia

Al TTG di Rimini l’innovativo progetto Destination4All, che ha dato vita a un network di oltre 80 strutture ricettive

Bibione è la prima destinazione inclusiva d'Italia

Ha visto una folta partecipazione di pubblico la presentazione di Bibione come prima destinazione turistica inclusiva in Italia. Svoltosi al TTG, durante la giornata di apertura del più importante salone turistico professionale, l’evento conferma come l’innovativo progetto Destination4All – che Bibione porta avanti da tre anni con il supporto professionale di Village for all – abbia portato al successo la destinazione.

Giuliana Basso, presidente di Bibione Live - Consorzio di Promozione Turistica, ha raccontato a una platea di professionisti esperti di destination management, come l’evoluzione della domanda turistica sia guidata dall’emergere di nuovi target presenti nella nostra società e di come questa sposti sempre più spesso l’attenzione dalla camera accessibile alla destinazione turistica per tutti.

Senior e Disability sono segmenti emergenti nel mondo della domanda turistica, senza dimenticare Family ed Allergy-Free; questi richiedono comfort e ospitalità, oltre il “dovuto” rispetto delle norme sulle barriere architettoniche. Per soddisfare queste esigenze servono destinazioni e sistemi turistici che sappiano realizzare proposte e avere servizi adeguati, per offrire una “Guest Experience for All” con competenza e professionalità.

Destination4All è stata una sfida che ha saputo coinvolgere tutta la filiera turistica a livello locale – e non solo – sviluppando un percorso di analisi della destinazione, dei prodotti turistici presenti sul territorio e di come questi si posizionassero nel segmento dell’ospitalità accessibile. In seguito, creando un percorso formativo e di acquisizione di consapevolezza delle esigenze di questo mercato, trasferendo nuove competenze professionali che consentono ora di affrontare con tranquillità le richieste di questi ospiti, realizzando servizi innovativi e soprattutto migliorando la qualità dell’offerta a tutti i propri clienti.

Saper comunicare con le giuste parole, saper intervenire offrendo la giusta soluzione, conoscere meglio le esigenze di questi target, ha consentito di acquisire una consapevolezza e una professionalità che gratifica prima di tutto le imprese turistiche e i loro collaboratori, ma che fa anche molto bene al business aziendale.

Roberto Vitali, Ceo di Village for all – azienda di innovazione turistica che per prima in Italia ha realizzato un network di oltre 80 strutture ricettive che offrono oggi ospitalità accessibile – ha illustrato i valori associati al progetto che sono alla base di tutto il lavoro fatto, e il disciplinare a cui le destinazioni turistiche, consorzi, amministrazioni pubbliche, e non solo devono attenersi se vogliono affrontare il percorso di acquisizione del marchio Destination4All (percorso che ha una durata minima di 3 anni).

Destination4All è un marchio di qualità, realizzato da Village for all, che contraddistingue le destinazioni turistiche inclusive in grado di offrire ospitalità accessibile.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori