Home / Viaggi / Cammino di San Cristoforo, esperienza inclusiva per non vedenti e ipovedenti

Cammino di San Cristoforo, esperienza inclusiva per non vedenti e ipovedenti

Domenica 25 ottobre, a Pordenone, visita guidata alla città molto particolare

Cammino di San Cristoforo, esperienza inclusiva per non vedenti e ipovedenti

Si chiude domenica 25 ottobre con una visita guidata alla città molto particolare, il calendario di uscite a piedi e in bicicletta, realizzato da Comune di Pordenone-Assessorato al Turismo, col supporto di PromoturismoFvg e Montagna Leader, e la collaborazione di FIAB AruotaLibera Pordenone, Associazione San Valentino, Diocesi Concordia, alla scoperta del Cammino di San Cristoforo, percorrendo in particolare le tappe 7 e 8.

Il programma di Risonanze, si rivolge infatti in particolare a non vedenti e ipovedenti (in collaborazione con l'Unione Italiana Ciechi di Pordenone) e vuole sottolineare i valori di condivisione e inclusività del Cammino.

Esso prevede la visita guidata al centro storico, al Duomo e alla Chiesa del Cristo, dove si svolgerà uno speciale accompagnamento narrativo e sonoro a cura di Marco Sorzio (regista, drammaturgo e autore), con la partecipazione di Roberta Ruggiero, attrice e formatrice teatrale che ama raccogliere canti provenienti da terre vicine e lontane e costruire paesaggi sonori fatti di voce: il progetto vuole sperimentare nuove modalità di narrazione dell'arte al fine di renderla fruibile a ogni persona.

L’esperienza è aperta a tutti; chi vorrà, potrà partecipare bendato per poter “vedere” in modo più approfondito con gli altri sensi. L'attività è gratuita, previa prenotazione a PromoturismoFvg (0434 520381; info.pordenone@promoturismo.fvg.it).

“Questo appuntamento, sperimentale e inclusivo – afferma l’assessora al turismo Guglielmina Cucci – ci sembra il modo più bello per concludere quella che a tutti gli effetti è stata per noi una sperimentazione. Una proposta che, sulle tracce del Cammino di San Cristoforo, pur percorrendo strade conosciute, significasse lasciare a casa l'auto, la fretta e la frenesia, disporsi a ritmi più naturali, vivere un'esperienza in modo profondo e guardare tutto con occhi nuovi e diversi, oppure vedere con gli altri sensi, come per quest'ultima occasione. Il tutto con approfondimenti storici, naturalistici, artistici ed enogastronomici. Il tutto lungo le tappe 7 e 8 del Cammino, che hanno come fulcro Pordenone e i Comuni da esse attraversate, ovvero Cordenons, San Quirino, Maniago e Spilimbergo”.

Tra i momenti più significativi vissuti durante le uscite si possono annoverare il pic nic al parco del Brolo, con la degustazione dei prodotti locali condotta da Giuliana Masutti, la visita all’antica locanda di Cordenons (abitazione privata della quale il proprietario ha eccezionalmente aperto le porte, dove si trova uno dei più begli affreschi profani di tutta la regione), la scoperta di un angolo di verde nascosto a Torre, ricco di fascino e suggestione, la visita all'antica chiesetta di San Pietro a Sclavons, e la visita alle installazioni di mosaico a Spilimbergo.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori