Home / Viaggi / Fvg in movimento, nuovi percorsi in Val Tramontina

Fvg in movimento, nuovi percorsi in Val Tramontina

Giovedì 3 settembre, doppio appuntamento a Tramonti di Sotto e di Sopra con il progetto '10mila passi di salute'

Fvg in movimento, nuovi percorsi in Val Tramontina

Il progetto regionale ‘Fvg in movimento. 10mila passi di salute’ fa tappa in Val Tramontina. Giovedì 3 settembre, alle 9.30 alla Casa della Conoscenza, infatti, sarà presentato ‘Il percorso del Sole’ di Tramonti di sotto, mentre alle 11.30 al Centro visite di Tramonti di Sopra sarà inaugurato il ‘Percorso del Pecolat’. Il ritrovo sarà presso i cartelloni di Fvg in movimento che segnano i punti di partenza.

Il progetto è finanziato dalla Regione e s’inserisce nella più ampia programmazione integrata e coordinata di attività di promozione della salute prevista nel Piano regionale della Prevenzione 2014/2019. E’ realizzato con il coordinamento di Federsanità Anci Fvg, in collaborazione con PromoTurismoFvg e l’Università degli Studi di Udine, Dipartimento di Scienze Economiche e Statistiche.

La finalità, insieme ai Comuni sedi dei percorsi (una quarantina), è quella di rendere facilmente accessibili le scelte salutari dei cittadini, “corretti stili di vita”, con l’obiettivo della massima diffusione tra la popolazione, ovvero favorire e promuovere l’attività fisica e motoria per tutti e tramite il massimo coinvolgimento dei cittadini di tutte le età, dei gruppi di cammino e delle associazioni locali (Uisp, Fiasp, Associazioni di pensionati, Associazioni di volontari, etc.), tutti invitati a frequentare e promuovere i percorsi.

I cartelloni sono in italiano e inglese, i percorsi sono indicati, oltre che dai cartelloni, dalla segnaletica coordinata e la promozione sarà sia online sui siti internet dei Comuni e di www.federsanita.anci.fvg.it; www.invecchiamentoattivo.fvg.it e www.turismofvg.it che tramite depliant.

Inoltre, entro fine settembre sarà disponibile anche la depliantistica, in italiano e inglese e la promozione online tramite i media, siti internet e social. Tutti i 30 percorsi sono presentati tramite iniziative itineranti su tutto il territorio regionale, dal Basso Isonzo, alla Livenza, dalla Val Tramontina fino a Duino Aurisina, a Tolmezzo e ai laghi di Cavazzo e San Daniele, dalle colline del Friuli e alla pianura della Bassa friulana.

PROGRAMMA. Giovedì 3 settembre a entrambe le iniziative parteciperanno sindaci, assessori e tecnici che hanno disegnato i percorsi, insieme ai rappresentanti delle Regione – Direzione centrale Salute, Federsanità Anci Fvg, PromoTurismoFvg e rappresentanti del Dipartimento di Scienze economiche e Statistiche dell’Università di Udine (per la valutazione del progetto).

Sono invitati referenti delle associazioni locali e gruppi di cammino, secondo le regole per la sicurezza Covid -19 (autodichiarazione, mascherina e distanziamento).

Per ulteriori informazioni: federsanita@anci.fvg.it

SCHEDE PERCORSI
Tramonti di Sotto - “Il percorso del sole”. E’ lungo 16 chilometri e si sviluppa vicino ai borghi di Tramonti di Sotto e Tramonti di Mezzo. Il punto di partenza si trova alla Casa della Conoscenza. Poi si scende la scalinata che porta alla pineta vicino all’alveo del fiume Meduna, si prosegue verso destra e si raggiunge l’area degli impianti sportivi del Matan. Dopo aver attraversato la strada regionale 552, si segue il sentiero che risale il terrazzamento fino a Tramonti di Mezzo, dove si possono visitare il borgo antico e la chiesa. Uscendo dal paese si svolta a destra e si scende sul sentiero che oltrepassa il guado del torrente Chiarchia e porta al Mulino Bidoli. Si prosegue sulla strada per un breve tratto e quindi si svolta a sinistra per entrare nella boscaglia del vasto pianoro prativo Pradileva. Il sentiero conduce vicino alla diga sul torrente Tarcenò dove si può visitare la parte finale della forra del torrente, a monte della diga.

Quindi, si scende sul greto del torrente e si raggiunge, la doppia briglia di contenimento delle ghiaie. Una traccia evidente conduce verso il monte Celant, da dove un sentiero risale il terrazzamento di Tridis fino all’omonimo borgo. Qui si può visitare una casa tipica. Un sentiero scende verso la vecchia strada asfaltata Si svolta a destra a bordo lago per poi affiancare il fiume Meduna per un lungo tratto. Si prosegue sulla strada regionale 552 verso Nord, fino in località Chiarandin, dove un sentiero a sinistra scende nel bosco. Seguendo il sentiero, si oltrepassano le ghiaie del Tarcenò. Infine, si giunge al punto di risalita della scalinata che riconduce all’inizio del percorso, a Tramonti di Sotto.

Tramonti di Sopra – “Il percorso del Pecolat”. Si tratta di un itinerario “ad anello”. L’escursione parte dal Centro visite di Tramonti di Sopra, prosegue a sinistra lungo la strada asfaltata che conduce alla Chiesa della Madonna della Salute. Da qui si imbocca la strada che costeggia quella principale, arrivando alla Chiesa di San Floriano. Si scede lungo la scalinata e si prosegue su strada asfaltata, poco oltre deviare a sinistra e percorrere il ciottolato che passa a fianco alle case di Rutizza.

Proseguendo attraverso un viale alberato si giunge sulla riva del Meduna dove si attraversa la passerella, Il sentiero prosegue a destra fra pini e abeti. Si comincia a salire leggermente di quota, per ritornare in piano, con lievi dislivelli. Attraversato un primo torrente, si giunge ai ruderi del Pecolat. Seguendo le indicazioni si incontra un secondo torrente e proseguendo per la riva opposta si incontra una fonte d’acqua. Si prosegue lungo il percorso attraverso il bosco, e poi oltrepassato il rio Vendelata, si arriva alle muraglie della mulattiera che porta alla Borgata di Pradis. Da qui si scende lungo la strada asfaltata arrivando all’area picnic che costeggia il greto del Meduna.

Pochi metri dopo l’ultimo tornante, sulla sinistra, il percorso risale nel bosco, e attraversato il pianoro prativo di Borgo Titol, si svolta a sinistra seguendo la strada asfaltata che arriva alla località Sottrivea. In corrispondenza del primo tornante, si imbocca un tracciato a sinistra, che risale al percorso del Cresò. Si torna quindi in paese e si chiude l’anello ritornando al Centro visite.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori