Home / Viaggi / Giornata dell’ambiente a Stolvizza

Giornata dell’ambiente a Stolvizza

Sabato 15 tutti potranno contribuire alla ripulitura e alla bonifica di alcune aree particolarmente degradate

Giornata dell’ambiente a Stolvizza

Significativa iniziativa di tanti resiani che, organizzati dalle Associazioni di Stolvizza, al motto ‘Pulito è più bello’, celebreranno, sabato 15 giugno, la 26esima edizione della giornata dedicata all’ambiente procedendo alla ripulitura delle vie di Stolvizza, al taglio delle erbe nelle zone comuni e alla bonifica di alcune aree particolarmente degradate.

Di primo mattino tutti i paesani, “armati” di buona volontà e di tutti gli attrezzi necessari, prenderanno d’assalto il territorio ed effettueranno per tutta la giornata un certosino e radicale intervento ecologico per riportare l’ambiente interessato allo splendore che merita. L’iniziativa viene effettuata anche in vista degli importanti appuntamenti estivi programmati già da tempo nella piccola borgata della Val Resia a cominciare da domenica 7 luglio quando a Stolvizza si svolgerà la nona edizione della corsa in montagna Vertical Kilometer.

Quindi sarà la volta della Festa Alpina del 3 e 4 agosto e, a seguire, l’escursione notturna sul percorso circolare permanente Ta lipa pot nella notte di San Lorenzo, sabato 10 agosto. Spazio, quindi, alla Festa degli arrotini in programma domenica 11 agosto e infine alla manifestazione nazionale Estate sui percorsi Sentieri Stolvizza un’escursione guidata, che si svolgerà domenica 18 agosto, e alla quale prenderanno parte centinaia di appassionati delle camminate in montagna. Ma intanto il paese tirato a lucido darà il benvenuto ai tanti escursionisti che, in particolare nei fine settimane, frequentano i sentieri intorno al paese.

All’appuntamento con l’ambiente di sabato 15 giugno, giovani e meno giovani parteciperanno, come nelle passate edizioni, con entusiasmo e positiva partecipazione, segno di un profondo attaccamento al Paese, una prerogativa molto importante che viene coltivata in Val Resia anche attraverso queste iniziative. Anche quest'anno non mancheranno i volontari della Valle che da tempo si stanno impegnando all'interno del progetto Io amo Resia con i fatti, un movimento, sostenuto da tanta gente e attività commerciali, che ormai dall'inizio 2019 si sono dati un programma per operare sul versante ambientale in tutte le frazioni della Valle. E così, dopo l'area degli impianti sportivi e, sabato scorso la straordinaria giornata di lavoro a Uccea l'ultima frazione della Valle ai confini con la Slovenia, il gruppo, che si ipotizza sarà composto da circa una quarantina di volontari, sarà a Stolvizza sabato 15 giugno per un altro significativo appuntamento. Al termine della giornata, nella sede del locale gruppo Alpini Sella Buia, ristoro con una fumante pastasciutta quale segno di ringraziamento per tutti i partecipanti che hanno dato, con entusiasmo, una giornata del loro tempo libero al servizio di tutta la Comunità della Val Resia.

Insomma un appuntamento di spessore che vuole lanciare anche un messaggio sul come intervenire per tenere pulite e in ordine vie, piazze, aree comuni nei piccoli paesi di montagna, come Stolvizza, dove sta diventando sempre più difficile delegare completamente questi interventi all’Istituzione Pubblica, impegnata su un territorio incredibilmente vasto e poco, troppo poco abitato. E in questo senso l’occasione, anche in passato, è servita a far crescere in tutti quella cultura della gestione della “cosa pubblica” che non può essere solo demandata, ma affrontata con responsabilità e moderno senso civico da tutti.

L’iniziativa, che viene organizzata dalle cinque associazioni di Stolvizza - Cama associazione Arrotini, l’Ana gruppo Alpini Sella Buia, Museo della Gente della Val Resia, Circolo Culturale Rozajaski dum e Associazione Vivistolvizza che ne è anche capofila - servirà per fare il punto sullo stato di salute ambientale del Borgo: dalla raccolta differenziata già in atto da qualche anno non sempre effettuata correttamente, al grave problema dell'aumento della vegetazione nei pressi del paese che sta mettendo a repentaglio le abitazioni stesse in caso di malaugurato incendio. Tutti problemi non rinviabili in un ambiente straordinario impreziosito dall'attività svolta dal Parco Naturale Regionale delle Prealpi Giulie che con le sue iniziative promuove, oltre che tutela, questo importante angolo dell'alto Friuli.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori