Home / Calcio dilettanti / Va alla Pro Gorizia il torneo di Premariacco

Va alla Pro Gorizia il torneo di Premariacco

I biancazzurri hanno battuto in finale i padroni di casa dell’Azzurra grazie a un rigore di Grion

Va alla Pro Gorizia il torneo di Premariacco

Si chiude con la vittoria della Pro Gorizia la prima edizione del torneo Città di Premariacco. I biancazzurri hanno battuto in finale i padroni di casa dell’Azzurra grazie a un rigore di Grion.

Il primo tempo è ricco di emozioni e di legni. Al 2’pt Campanella scaglia un gran tiro al volo che colpisce la traversa. All’11’pt è Lucheo a pareggiare i conti dei legni a seguito di un tiro da fuori area. Al 28’pt è di nuovo Campanella a rendersi pericoloso con un tiro dal limite che mette in difficoltà Coceano che deve alzare in angolo.

Al 35’pt l’azione decisiva, errore della difesa dell’Azzurra Premariacco, Gubellini s’invola verso l’area e viene atterrato. L’arbitro concede il rigore che Jacopo Grion trasforma.

Nella ripresa le occasioni sono minori da entrambe le parti con l’Azzurra che cerca il pareggio e la Pro che prova a colpire in ripartenza. All’8’st la Pro rimane anche in dieci con Novati che viene espulso a seguito di un intervento ritenuto troppo scomposto dall’arbitro. Nonostante ciò, la Pro resiste ai tentativi dell’Azzurra e conquista il torneo.

In precedenza nella finale terzo/quarto posto l’Ol3 ha superato per 5 a 0 l’Unione Basso Friuli.

Il tabellino: Azzurra Premariacco – Pro Gorizia 0-1
Marcatore: 35’pt Grion J.
Azzurra Premariacco: Bertoni (1’st Lavaroni), Visentini (34’st Cantarutti), Del Negro (30’st Di Lenardo), Fon, Ciriaco, Bucovaz, Campanella, Zanchetta, Sokanovic (13’pt Jogan), Miano, Nardella (1’st Quintana). Allenatore: Bovio.
Pro Gorizia: Coceano (11’st Maurig), Catania (38’st Msatfi), Derossi (14’st Dimroci), Raugna (35’st Plenizio), Piscopo, Samotti, Novati, Aldrigo (35’st Grion E.), Gubellini (17’st Kofol), Grion J., Lucheo. Allenatore: Franti.
Note: al 8’st espulso Novati per la Pro Gorizia.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori