Home / Cronaca / Giallo di Trieste, Liliana potrebbe essere morta il 14 dicembre

Giallo di Trieste, Liliana potrebbe essere morta il 14 dicembre

Proseguono le indagini degli inquirenti, in attesa degli esiti degli esami tossicologici e della Polizia scientifica

Giallo di Trieste, Liliana potrebbe essere morta il 14 dicembre

La morte di Liliana Resinovich potrebbe risalire al giorno della sua scomparsa, il 14 dicembre. A quanto si apprende, le condizioni in cui è stato ritrovato il cadavere, il 5 gennaio, sarebbero compatibili con una morte avvenuta diversi giorni prima.

Il cadavere è stato trovato tra la vegetazione del parco dell'ex ospedale psichiatrico di San Giovanni - non lontano dall'abitazione della 63enne - infilato in due sacchi neri a formarne uno. La testa era avvolta in due sacchetti di plastica trasparenti. Lo stato, viste anche le condizioni meteo e la relativa protezione data dai sacchi neri, potrebbe essere compatibile con una morte avvenuta una ventina di giorni prima.

Nel frattempo, proseguono le indagini condotte dalla Squadra Mobile e coordinate dalla Procura, in attesa degli esiti degli esami tossicologici e delle analisi affidate alla Polizia scientifica sugli oggetti trovati assieme al corpo, in particolare la borsetta vuota che la donna aveva a tracolla. Al momento, dunque, il fascicolo rimane aperto senza indagati e non è stata esclusa l'ipotesi di un suicidio.

0 Commenti

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori