Home / Economia / Autostrade Alto Adriatico, a breve la concessione

Autostrade Alto Adriatico, a breve la concessione

Il 5 luglio l'assemblea della Società per approvare tutta la documentazione. Poi, a Roma, il governatore Fedriga sottoscriverà gli atti

Autostrade Alto Adriatico, a breve la concessione

"C'è un traguardo temporale imminente per la firma dell'atto di affidamento della concessione autostradale dei tratti attualmente di competenza di Autovie Venete alla nuova società Autostrade Alto Adriatico. Il primo via libera lo darà l'assemblea ordinaria e straordinaria della Spa il prossimo 5 luglio dopo che la Giunta regionale, nella seduta di oggi, ha autorizzato l'approvazione in quella sede di tutta la documentazione necessaria all'approvazione dell'accordo di cooperazione, che contiene anche la prossima concessione autostradale".

È l'annuncio che l'assessore regionale alle Finanze Barbara Zilli ha dato oggi al termine della riunione dell'Esecutivo che, relativamente alla nuova concessione autostradale, ha approvato i contenuti e l'autorizzazione alla sottoscrizione dell'Accordo di cooperazione, del Piano economico-finanziario (Pef), del Piano finanziario regolatorio (Pfr), del Regolamento del Comitato di indirizzo e coordinamento, delle modifiche statutarie e dell'Agreement tra Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Friulia, Società Autostrade Alto Adriatico e Autovie Venete.

"Siamo giunti a un momento storico e di svolta per la gestione della viabilità autostradale del Nordest - ha commentato ancora Zilli -, tra pochi giorni si completerà una delle tappe conclusive di un lungo percorso che ci ha visto protagonisti, assieme alla Regione Veneto e al Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili, nell'evoluzione verso un ente concessionario interamente pubblico. Di fatto imbocchiamo l'ultimo tratto dell'iter che dà garanzia ai nostri cittadini sul futuro della nostra rete autostradale, con una concessione trentennale che pone basi certe anche al completamento dei lavori per la terza corsia".

Il 5 luglio, quindi, si riunirà l'assemblea ordinaria e straordinaria della Società Autostrade Alto Adriatico spa per approvare tutta la documentazione necessaria e poi a breve, a Roma, il governatore Massimiliano Fedriga sottoscriverà l'Accordo di cooperazione tra amministrazioni aggiudicatrici e il Regolamento del Comitato di indirizzo e coordinamento.

L'Accordo sancisce l'intesa tra Ministero delle infrastrutture e della Mobilità Sostenibili (Mims), Direzione generale per le strade e le autostrade, l'alta sorveglianza sulle infrastrutture stradali e la vigilanza sui contratti concessori autostradali, la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, la Regione Veneto e la Società Autostrade Alto Adriatico per la concessione delle tratte autostradali A4 Venezia-Trieste; A23 Palmanova-Udine; A28 Portogruaro-Conegliano; A57 Tangenziale di Mestre per la quota parte; A34 Raccordo Villesse-Gorizia. La durata della concessione è trentennale.

Il Comitato di indirizzo, il cui regolamento sarà approvato contestualmente alla sottoscrizione dell'Accordo, avrà una serie di compiti di promozione (ad esempio in materia di intermodalità, ambiente, scurezza, tariffe), poteri di indirizzo anche alle amministrazioni pubbliche territoriali per la destinazione delle risorse finanziarie necessarie alla realizzazione degli investimenti funzionali allo sviluppo delle infrastrutture nelle Regioni interessate. Di fatto, il Comitato rappresenta la sede di indirizzo, informazione, controllo preventivo, consultazione, valutazione e verifica sulla gestione e amministrazione della Società, nonché l'organo attraverso il quale le amministrazioni pubbliche controllanti esercitano sul Concessionario il controllo analogo; anche le Regioni sono vincolate per qualche aspetto alle sue decisioni.

Per quanto riguarda le modifiche statutarie, queste riguarderanno il controllo analogo; la sostituzione del riferimento al Comitato di coordinamento delle due Regioni con quello al Comitato di indirizzo e coordinamento (Cic) che include la presenza del Mims; la sostituzione del riferimento alla Convenzione di Concessione con l'Accordo di cooperazione; la modifica della composizione e nomina del Collegio sindacale, per consentire la presenza di rappresentanti del Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili e del Ministero dell'economia e delle finanze (Mef).

Con lo schema di Agreement tra Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Società Autostrade Alto Adriatico, Autovie Venete e Friulia si definiscono i passaggi per consentire la patrimonializzazione propedeutica al finanziamento che sarà necessario per far fronte sia al pagamento del valore di indennizzo al concessionario uscente, sia a garantire la prosecuzione dei lavori in corso e il completamento della realizzazione dell'intero Piano degli investimenti delle opere inerenti il progetto della Terza Corsia A4, nonchè il subentro nella concessione autostradale di Società Autostrade Alto Adriatico. 

"Dopo anni di ambiguità, con posizioni nettamente differenti tra Regione e vertici di Autovie Venete, finalmente si arriva a una posizione di chiarezza sulla costituzione della Newco, affidando la concessione autostradale attualmente in capo ad Autovie Venete alla nuova società Autostrade Alto Adriatico. Così si concretizza finalmente il lavoro avviato dalla precedente giunta di centrosinistra", commenta il capogruppo del Pd in Consiglio regionale Fvg, Diego Moretti.

"In questi anni nei quali si sono viste e sentite posizioni e dichiarazioni ambigue del presidente di Autovie Venete, Paniz, abbiamo più volte tentato di fare chiarezza anche attraverso le richieste di audizioni nella commissione competente. Anche nei giorni scorsi ne abbiamo presentata un'altra, proprio perché preoccupati per il silenzio. Oggi finalmente si compie un importante passo in continuità con il lavoro svolto dalla precedente giunta di centrosinistra".

0 Commenti

L'economia in un click

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Green

Business

AGENDA

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori