Home / Il Friuli / Il Friuli in edicola, venerdì 25 giugno 2021

Il Friuli in edicola, venerdì 25 giugno 2021

Il Friuli in edicola, venerdì 25 giugno 2021

I tranelli del Superbonus - Corsa a ostacoli per l’incentivo: procedure burocratiche complesse, impennata dei prezzi delle materie prime e speculazioni dietro l’angolo

Corsa a ostacoli per il Superbonus - IMPRESE AL LAVORO. Finora sono 468 gli interventi autorizzati in regione, ma scontiamo i ritardi causati dalle pastoie burocratiche e dall'incapacità degli uffici tecnici comunali di far fronte al repentino aumento di lavoro
Il bonus del 110% dedicato a ristrutturazione ed efficientamento energetico degli immobili sta entrando a pieno regime, ma gli ostacoli non mancano. Anzi, da quando è stato annunciato il provvedimento di grattacapi ce ne sono stati parecchi e pare che la serie non sia finita
Leggi il resto nel numero in edicola

Andiamo in crisi pure con la ripresa - PARLANO I GEOMETRI. Prima le pastoie burocratiche, poi la scarsità di mano d’opera e infine il rincaro dei materiali. Ecco perché il fattore tempo sta diventando sempre più importante

Il Superbonus ci ha messo un po’ di tempo per entrare a regime, ma oltre a dare nuovo lavoro, ha avuto anche il merito di far emergere situazioni illecite. Perché lo sconto può chiederlo soltanto chi ha le carte in regola, pena la perdita di ogni agevolazione.
Leggi il resto nel numero in edicola

L'Agesci censura la nostra bandiera - UDINE. Per il coordinatore regionale nei campi estivi degli scout va issato il vessillo dell’ente amministrativo e non il simbolo della comunità friulana
Quale è l’aquila giusta? Il coordinamento regionale dell’Agesci, la più importante organizzazione scoutistica in Italia, ha diramato ai gruppi territoriali una circolare in cui va a precisare quale debba essere la bandiera da esporre nei campi estivi, che quest’anno torneranno a essere organizzati. “In vista dei campi estivi – riporta la nota inviata dal responsabile regionale Alessandro Giardina - vi scriviamo per condividere una riflessione che a prima vista può sembrare banale ma riteniamo invece sia importante.
Leggi il resto nel numero in edicola

Caldo e sole, affrontiamo al meglio la bella stagione - I CONSIGLI per evitare che alte temperature ed esposizione non protetta ai raggi solari lascino brutti segni
Durante la stagione estiva è consigliato seguire alcune raccomandazioni per evitare gli effetti nocivi del caldo intenso e prolungato e dell’esposizione al sole. I tumori della pelle (melanoma e carcinomi squamosi) sono in costante aumento anche a causa di eccessiva e non corretta esposizione ai raggi solari. La prevenzione e la diagnosi precoce dei tumori cutanei, grazie alla visita specialistica, è l’arma più forte per combattere la malattia. 
Leggi il resto nel numero in edicola

Il Covid fa luce sui limiti della Sanità - L’ECCESSO DI MORTALITA’ nel nostro Paese è superiore alla media europea per altre patologie, non adeguatamente trattate
In Italia, su una popolazione di 60 milioni di abitanti, dall’inizio della pandemia si sono registrati oltre 127mila morti legati al Covid. Ogni anno si registrano circa 230mila decessi per malattie cardiovascolari e 180mila per tumori. Qual è stato l’impatto del Coronavirus sulla gestione delle altre patologie?
Leggi il resto nel numero in edicola

Risvegliarsi, oggi, come nel Medioevo - MARAVEE FOLLE è la versione post-pandemia del progetto artistico di Sabrina Zannier, che per la 20a edizione riparte da una forma di ‘teatro dell’arte’ che punta alla redenzione dopo l’isolamento
Se per un anno e mezzo la pandemia ci ha sconvolto la vita e le abitudini, il lento ritorno alla nuova normalità passa anche attraverso la modifica di certi ‘riti’ cui eravamo abituati. Come il Festival Maravee, appuntamento fisso nell’autunno friulano, che dal 2020 ha scelto di ripartire dall’estate. E quest’anno lo farà, per il ventennale, con rinnovate empatia, interattività e coinvolgimento emozionale. E un tema attuale.
Leggi il resto nel numero in edicola

Una caserma chiamata Friuli-Venezia Giulia - STORIE DI FUTURO. Abbiamo la più alta densità di strutture militare d’Europa, costruite senza una strategia urbanistica, e che ora, in gran parte, sono in stato di abbandono. Però, una riconversione è possibile
Sono sicura che, ovunque vi siete trovati, alla notizia che venite dal Friuli qualcuno si è avvicinato per dirvi: “Oh, in Friuli ho fatto il militare e mio nonno da giovane ha fatto la guerra. W la classe!” Così, anche nel paesino più lontano, mescolando nostalgia per sé e gentilezza per voi, una persona mai vista prima può aver iniziato a raccontarvi di luoghi che conoscete e poi di episodi con i compagni di camerata.
Leggi il resto nel numero in edicola

Il jazz risponde ancora presente - UDINE, TRIESTE, GRADO, PORDENONE, BRUGNERA E S. VITO sono solo alcune località della regione che puntano ancora una volta sul potere della musica d’improvvisazione: concerti all’aperto per tutta l’estate con spazio anche a una parte della ricca scena locale
Era già successo lo scorso anno, nell’estate ‘breve’ dell’illusione, con il jazz subito in prima fila per riportare la musica live in presenza. Del resto, la musica d’improvvisazione aveva già fatto il miracolo dopo la crisi del ’29, contribuendo a risollevare prima gli Stati Uniti e poi, a traino, il resto del mondo occidentale. Anche questa volta, augurandoci che il finale sia diverso rispetto a un anno fa, le rassegne e i concerti jazz nell’estate friulana abbondano.
Leggi il resto nel numero in edicola

Stadio: rebus abbonamenti - AD AGOSTO GLI IMPIANTI potranno occupare fino al 25% dei posti disponibili. Come verranno scelti i tifosi? E i voucher del rimborso in scadenza saranno rinnovati?
Il sottosegretario alla Salute Andrea Costa ha pronunciato le parole che tutti i tifosi aspettavano: il 22 agosto si torna allo stadio. Per ora, però, l’accesso sarà consentito solo al 25% della capienza degli impianti. Ergo, al ‘Friuli’, che può ospitare 25.132 tifosi, ne potranno entrare inizialmente solo 6.283.
Leggi il resto nel numero in edicola

Gesteco, una stagione da applausi - ALLA SUA PRIMA AVVENTURA, Cividale ha sfiorato la promozione in A2. Il sogno? Si è infranto solo nell’ultimo atto dell’appassionante sfida contro Fabriano
Si è chiusa con la promozione di Fabriano la sofferta serie finale dei play-off. I marchigiani si aggiudicano la ‘bella’ con merito, ma Cividale esce fra gli applausi. Dopo le due pesantissime vittorie interne, la Janus sembrava dover sbrigare una semplice formalità salendo in Friuli per tornare a casa, in velocità, con promozione, coppa e ‘retina’. Fattori e compagni, però, hanno riequilibrato la serie, vincendo all’ultimo respiro le due tiratissime gare interne.
Leggi il resto nel numero in edicola

In edicola 'Il Frico' esplosivo di Mataran
Da venerdì 25 giugno in allegato gratuito al settimanale Il Friuli, nuovo appuntamento con l’inserto di satira e umorismo firmato dai Mataran


📌All'interno del settimanale #ilfriuli una guida a tutti gli eventi, mostre, cinema in regione. Ecco cosa fare nel fine settimana in #Fvg

 



Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori