Home / Politica / Cinque anni senza Giulio Regeni

Cinque anni senza Giulio Regeni

110 associazioni del territorio si uniscono alla famiglia del ricercatore per chiedere il richiamo dell'ambasciatore in Egitto

Cinque anni senza Giulio Regeni

Alla vigilia del quinto anniversario dal rapimento, delle torture e della morte - il 25 gennaio 2016 - di Giulio Regeni, una parte importante e rappresentativa della società civile del Friuli Venezia Giulia si mobilita a sostegno della richiesta della famiglia per il rapido richiamo dell’ambasciatore italiano dall’Egitto.

Ben 110 associazioni, gruppi, cooperative, comitati, reti, circoli culturali, aggregativi, sociali, sindacali o politici con sede in Fvg hanno sottoscritto l’appello (in allegato) al Presidente della Repubblica, al Presidente del Consiglio e al Ministro degli Esteri affinché, proprio alla luce delle ultime iniziative della Procura delle Repubblica di Roma per il rinvio a giudizio degli indagati, membri dei servizi e delle forze armate egiziane, siano assunte quelle misure diplomatiche adeguate alla gravità della situazione.

Ugualmente si chiede che tutta la Comunità europea assuma forti iniziative per il rispetto dei diritti umani in Egitto, e altrove, per tutte e tutti le Giulia e i Giulio. 110 realtà associative della nostra regione che si affiancano alla richiesta di mamma e papà Regeni e della loro avvocata Alessandra Ballerini, che condividono la proposta partita dalla Rete Dasi Fvg e dal Centro di Accoglienza Ernesto Balducci di Zugliano.

L’appello con le sottoscrizioni sarà spedito agli interlocutori. "Attendiamo, fiduciosi, una loro pronta accoglienza alle richieste", fanno sapere da Rete Dasi Fvg.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori