Home / Salute e benessere / L’Ordine Costantiniano di San Giorgio dona mascherine e generi alimentari

L’Ordine Costantiniano di San Giorgio dona mascherine e generi alimentari

La donazione alla Caritas Diocesana di Udine

L’Ordine Costantiniano di San Giorgio dona mascherine e generi alimentari

Nella giornata di venerdì 26 febbraio l’Ordine Costantiniano di San Giorgio, del quale è Gran Maestro il principe Carlo di Borbone, ha donato più di 500 mascherine FFP2 e generi alimentari alla Caritas Diocesana di Udine. L’attività è stata coordinata dal nobile architetto Federico Bulfone Gransinigh, Delegato Vicario per il Triveneto, con l’aiuto dei membri dell’Ordine presenti in regione, fra i quali i cavalieri Fabrizio Gioiello e Giorgio Vello. L’iniziativa è stata resa possibile dal sostegno e dalla collaborazione di Don Luigi Gloazzo, Direttore della Caritas Diocesana udinese e del signor Nereo Dario.

Il Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio è un Ordine cavalleresco, dinastico, legato alla famiglia Borbone delle Due Sicilie; oggi con numerose delegazioni e rappresentanze sparse per il mondo sostiene attività benefiche a favore delle realtà più in difficoltà. Anche durante questa situazione pandemia, che oramai da più di un anno sta martoriando la nostra regione, l’Ordine si è impegnato in donazioni alimentari e di materiale medico nelle provincie di Gorizia, Trieste e Udine, trovando sempre il sostegno delle realtà locali.

Questi progetti, che proseguiranno con altre iniziative, vedono coinvolti numerosi membri di questo sodalizio cavalleresco, attivi sul territorio regionale. Inoltre, la nostra regione rientra nell’ampia Delegazione del Triveneto della quale è Delegato il conte avvocato Roberto Giustiniani; a questa realtà appartengono numerose rappresentanze presenti nelle maggiori provincie del Friuli-Venezia Giulia, Trentino Alto Adige e Veneto. 

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori