Home / Salute e benessere / Proseguono i progetti per la Domiciliarità innovativa a Grado

Proseguono i progetti per la Domiciliarità innovativa a Grado

L'assessore Lauto: "Riempiamo il vuoto della stagionalità"

Proseguono i progetti per la Domiciliarità innovativa a Grado

Prosegue con successo il progetto Domiciliarità innovativa sostenuto dall’Amministrazione comunale di Grado, affidato dall’Ambito 2.2. alla cooperativa Codess FVG. Il progetto ha l’obiettivo di promuovere il benessere, ridurre l’isolamento e la solitudine, sperimentare nuove prospettive di intervento rivolte alla fascia della popolazione anziana costruendo percorsi di domiciliarità innovativa nel nostro territorio. Dall’ottobre scorso sono diverse e varie le iniziative che si sono svolte, come il corso di ginnastica dolce presso la palestra di via Fiume. Da febbraio ad aprile, ogni giovedì, presso la sede Cisi di via Fiume, si svolgono momenti di condivisione e integrazione con le giovani generazioni, in particolare il Gruppo Scout Grado 1, durante i quali si trattano le modalità comunicative attraverso i social/smartphone.

Per la primavera sono previste diverse attività: si comincia il 20 marzo presso la sede del Cisi in Via Fiume occasione in cui si terrà un momento di condivisione dal titolo ‘Cura del sé per sentirsi in armonia con il proprio aspetto. Laboratorio estetico sui trucchi del mestiere per essere sani, curati e in ordine’, mentre presso la Sede della protezione civile appuntamento con ‘Cucinare il pesce. Laboratorio con chef anziani e le giovani generazioni dell’Isis Pertini Sezione di Grado’. Ad aprile invece presso l’aula maggiore dell’Auditorium Biagio Marin si terranno tre incontri e tutti di venerdì. Il primo venerdì 6 aprile con lo yoga della risata, a seguire la tangoterapia per favorire postura, equilibrio e deambulazione secondo il metodo Riabilitango e infine ‘Allena|Menti - Esercita la memoria Giochi ed esercizi in compagnia per mantenere agili mente e memoria’. A maggio si terranno i Momenti del Rosario.

È cominciato lo scorso mercoledì 7 marzo il corso di italiano per stranieri organizzato dal CPIA- Centro provinciale italiano per adulti di Gorizia, ente autonomo del Ministero dell’Istruzione, presso la scuola Dante. Il corso vede la partecipazione di 16 cittadini residenti appartenenti alla comunità bengalese e, vista la richiesta di partecipazione, si prevede l’attivazione di un secondo corso. Il corso base è di 50 ore, ed è gratuito: a carico degli allievi c’è solo il costo dell’assicurazione.

“Prendersi cura di tutte le fasce del nostro territorio significa aver cura della nostra isola a 360 gradi” sottolinea l’assessore alla Famiglia del Comune di Grado, Federica Lauto. “In un luogo come il nostro, caratterizzato da forte stagionalità e dalla conformazione, appunto, di isola, il problema della solitudine è molto sentito e ciò riguarda gli anziani quanto i giovani. Il Progetto Domiciliarità innovativa crea momenti di incontro per prendersi cura di sé, star bene con gli altri e ritrovare un senso alle nostre giornate. Con il corso di italiano, inoltre, vogliamo dare a quei cittadini che già fanno parte della nostra comunità gli strumenti affinché ci si possa capire reciprocamente meglio. La comprensione, nel suo senso più ampio di inclusione e di capire sia l'altro sia come vivere bene è quindi il principio alla base di questi due progetti”.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori