Home / Salute e benessere / Ronzulli al Burlo e al centro vaccinale della Centrale idrodinamica di Trieste

Ronzulli al Burlo e al centro vaccinale della Centrale idrodinamica di Trieste

Riccardi e Savino hanno accompagnato nella visita la senatrice, presidente della Commissione Parlamentare per l'infanzia e l'adolescenza

Ronzulli al Burlo e al centro vaccinale della Centrale idrodinamica di Trieste

"L'efficienza dimostrata dai centri vaccinali del Friuli Venezia Giulia è un'ottima dimostrazione dell'insensatezza dell'ipotesi avanzata da qualcuno circa lo smantellamento dei servizi sanitari regionali a favore di un'unica gestione statale. È quindi molto importante che, come avvenuto oggi, gli esponenti delle istituzioni nazionali visitino le nostre strutture e abbiano modo conoscere il sistema della salute del Friuli Venezia Giulia, che ha saputo rispondere con coraggio, determinazione e spirito di sacrificio a una sfida inattesa come quella contro il Covid-19".

Lo ha detto il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, durante la visita della presidente della Commissione Parlamentare per l'infanzia e l'adolescenza, la senatrice Licia Ronzulli, al centro vaccinale allestito nella Centrale idrodinamica di Trieste.

In tale occasione Ronzulli ha sottolineato l'ottima organizzazione logistica dell'hub e rimarcato l'importanza della campagna vaccinale, evidenziando l'utilità del green pass sia per incentivare le persone a immunizzarsi sia per mantenere aperte le attività economiche, già pesantemente danneggiate dal Covid-19.

Analizzando i dati del Covid-19 Riccardi ha spiegato che "anche oggi l'andamento del contagio in Friuli Venezia Giulia è stato coerente con quello dei giorni scorsi e continua a evidenziare una maggiore incidenza di nuovi casi in particolare tra i giovani: oltre la metà dei nuovi infetti ha meno di 29 anni. Nel corso delle scorse settimane i punti di maggiore criticità sono stati quelli dove ci sono stati assembramenti, come a Pordenone, inoltre anche oggi sono stati rilevati 8 casi tra i migranti nell'area di Trieste. La domanda ospedaliera è assolutamente sotto controllo anche se c'è stato un ulteriore ricovero in terapia intensiva".

Infine, il vicegovernatore ha confermato "la prosecuzione delle iniziative informative rivolte ai cittadini che sono ancora indecisi se sottoporsi o meno alla vaccinazione, con l'obiettivo di raggiungere la quota di vaccinati necessaria a sviluppare l'immunità d gregge, ovvero il 70% della popolazione". 

Prima del Centro vaccinale, Ronzulli aveva fatto tappa al Burlo Garofolo"Oggi si è creato un collegamento diretto tra il Burlo e la Commissione Parlamentare per l'infanzia e l'adolescenza, che sicuramente sarà utile a questa struttura di eccellenza in campo sanitario e scientifico", ha detto Riccardi.

Nel corso della visita sono stati illustrati il funzionamento dell'Irccs, le principali attività svolte, l'organizzazione e gli elementi caratteristici che contraddistinguono il suo operato nonché la fondamentale funzione di sede universitaria e di ricerca svolto dall'Istituto. Durante l'incontro sono stati illustrati i principali dati sulle attività del Burlo, che dimostrano un'importante ripresa dopo la battuta d'arresto imposta dalla pandemia (+5,40% per l'attività di ricovero e +70,03% per l'attività ambulatoriale nel confronto tra il periodo da gennaio a maggio del 2020 con quello del 2021). Il ruolo chiave del Burlo è stato rimarcato anche da Ronzulli, la quale ha evidenziato come l'Ircss sia una grande eccellenza non solo per Trieste e il Friuli Venezia Giulia ma anche a livello nazionale e ha rivolto un profondo ringraziamento a tutti gli operatori della struttura per la dedizione e l'impegno profuso giornalmente nello svolgimento del proprio lavoro.

Un ringraziamento espresso anche dal vicegovernatore Riccardi, il quale ha sottolineato "che durante le fasi più complesse dell'emergenza sanitaria il Burlo e i suoi professionisti hanno dato un contributo rilevante, non limitando la propria attività al settore pediatrico, ma partecipando direttamente alla riorganizzazione rapida del sistema sanitario-ospedaliero, allestendo anche postazioni di terapie intensiva".

Riccardi ha infine rimarcato che "l'infanzia è un tema importante e quindi lo sviluppo e il miglioramento di un asset strategico come il Burlo Garofolo rientra pienamente nei piani della Regione. Le competenze sviluppate all'interno di questo polo di eccellenza devono, pur facendo riferimento alla struttura centrale nel capoluogo regionale, essere messe in rete con il sistema sanitario regionale attraverso una serie di collaborazioni con le aziende sanitarie per lo svolgimento di attività specialistiche, ambulatoriali, chirurgiche e di supporto ai turni di guardia. In questo modo miglioreremo ulteriormente l'offerta sanitaria regionale e i servizi ai cittadini". 

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori