Home / Spettacoli / Da 'Fermata Padriciano' di Elisa Cozzarini a 'Tempo d'attesa'

Da 'Fermata Padriciano' di Elisa Cozzarini a 'Tempo d'attesa'

Da \u0027Fermata Padriciano\u0027 di Elisa Cozzarini a \u0027Tempo d\u0027attesa\u0027

Venerdì 3 dicembre, all’ l'Area Science Park incontro storico divulgativo 'La vita altrove' e la presentazione dello spettacolo di Pietro Spirito ed Elke Burul

Venerdì 3 dicembre, alle 15, all’ l'Area Science Park di Padriciano, si terrà l'incontro storico divulgativo “la vita altrove”, con la proiezione del cortometraggio documentario “Fermata Padriciano” di Elisa Cozzarini e la presentazione dello spettacolo “Tempo d’attesa” di Pietro Spirito ed Elke Burul di scena al Teatro dei Fabbri dal 9 al 12 dicembre. L'incontro si tiene all’Area Science Park, là dove fino ai primi anni Ottanta, prima dell'insediamento di Area, era attivo un campo profughi per stranieri, un luogo di speranza e che ora ospita il polo scientifico internazionale. Un posto e una storia cui si sono ispirati il giornalista e scrittore Pietro Spirito e l’attrice e regista Elke Burul che ne hanno tratto lo spettacolo Tempo d'attesa prodotto dalla Contrada, con il sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia.

Di questo luogo particolare, un centro d'accoglienza per profughi stranieri in fuga dai Paesi comunisti dell'Europa orientale, abitato da intellettuali, oppositori, persone colte e artisti, della sua storia - una struttura che era anche un centro di raccolta informazioni - dello spettacolo e del documentario parleranno, durante l'incontro preceduto dalla proiezione del documentario “Fermata Padriciano”, in diretta su streaming, Caterina Petrillo, Presidente dell'Area Science Park, la storica Anna Maria Vinci, Elke Burul, Elisa Cozzarini, Pietro Spirito e Viktor T. Foia, ex profugo e ingegnere informatico, attraverso le domande di Livia Amabilino, Presidente della Contrada che modera l'incontro.


La produzione Contrada Tempo d’attesa, che andrà in scena al Teatro dei Fabbri di Trieste dal 9 all'11 dicembre alle 20.30 e il 12 dicembre alle 19.00, è un progetto realizzato con il sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia, su testo di Pietro Spirito e Elke Burul per la regia di Elke Burul. È la storia immaginaria del fotografo cecoslovacco Krystof Paklic, in fuga dal suo Paese. A Padriciano, dove ora sorge l'Area di Ricerca, dagli anni Sessanta ai primi anni Ottanta era attivo un campo profughi per accogliere le persone in fuga dai Paesi comunisti dell'Europa orientale. Gli ospiti della struttura spesso erano intellettuali, oppositori, persone colte, artisti come il fotografo protagonista della storia. A mettere in scena la vicenda, idealmente ambientata nel 1972, saranno la stessa Elke Burul, Maurizio Zacchigna, Daniela Gattorno e Omar Giorgio Makhloufi.

Sono gli anni della Guerra fredda e Trieste, città di confine, in bilico tra due mondi, diventa spartiacque tra due realtà contrapposte, l’Est e l’Ovest, tra il mondo dei regimi democratici – pure minati da tensioni sociali e politiche – e quello dei regimi socialisti, barricati oltre la cortina di ferro. Il campo profughi per stranieri di Padriciano è una struttura voluta dal governo italiano per accogliere persone della più varia estrazione, in fuga dai Paesi del blocco sovietico, che chiedono asilo politico in cerca della libertà. Qui, in Tempo d'attesa, arriva Krystof Paklic, costretto a fuggire dal suo paese in seguito all'occupazione da parte delle truppe sovietiche. Il campo di Padriciano, recintato da un muro e sorvegliato dalla polizia, è una vera e propria cittadella, con gli alloggi per i profughi, l'infermeria, una chiesa, un cinema, persino un campo di calcio. Questa per lui è solo la prima tappa, il luogo in cui attendere il visto per gli Stati Uniti. Ma la notte in cui attraversa il confine nei boschi che circondano la città perde ogni contatto con la sua amata compagna Jana. Tempo d'attesa racconta il dramma dell'uomo e dell'artista, nei giorni che precedono il colloquio/interrogatorio che potrà concedergli la possibilità di rifarsi una vita oltreoceano. Tempo d’attesa rimane la metafora di una condizione che accomuna chi è costretto, in ogni epoca, ad abbandonare la propria terra e tutto ciò che inseguendo la speranza di una vita libera e migliore.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori