Home / Spettacoli / L'alfabeto delle emozioni di Stefano Massini al Teatro Bobbio

L'alfabeto delle emozioni di Stefano Massini al Teatro Bobbio

Primo Fuori Abbonamento 2021 per La Contrada con il drammaturgo e narratore, venerdì 1° ottobre

L\u0027alfabeto delle emozioni di Stefano Massini al Teatro Bobbio

Si alza ufficialmente il sipario al Teatro La Contrada con uno fra i più importanti autori teatrali italiani, molto amato anche all’estero, il regista e attore, anzi narratore, Stefano Massini, sempre più popolare anche sul piccolo schermo grazie alle sue rubriche su LA7, “Piazzapulita” e "Ricomincio da RaiTre" ” su Rai3.

Venerdì 1 ottobre alle 20.30 porterà in scena al Teatro Orazio Bobbio di Trieste, per il primo Fuori Abbonamento della Contrada, il suo ultimo spettacolo, "L'alfabeto delle emozioni”.

Definito da Repubblica “il più popolare raccontastorie del momento”, Stefano Massini, accompagnerà gli spettatori in un viaggio profondissimo e ironico al tempo stesso nel labirinto del nostro sentire e sentirci.

Massini, solo sul palco, estrarrà a caso da un baule lettere dell'alfabeto. M come melancolia, I come invidia, T come tristezza, P come paura, S come stupore ma anche R come rabbia. Un caleidoscopio delle emozioni che dominano la vita umana.


Ogni lettera estratta sarà l'occasione per raccontare storie di personaggi famosi e non, con l'abilità di narratore che ha reso Massini celebre anche in tv. Scorrono visi, ritratti, nomi, situazioni. Si va da Arthur Conan Doyle che fa l’esperimento di sondare i suoi amici sul tema del dubbio, al grande Chagall che non riesce a reagire alla scomparsa di Bella Rosenfeld, da Al Capone che tremava alla vista di una siringa, alla moglie di Giosuè Carducci costretta a pregare i compagni del poeta di farlo vincere alle carte. Ad andare in scena è la forza e la fragilità dell’essere umano, dipinta con l’estro e il divertimento di un appassionato narratore. Un gioco fra esempi e rimandi, assonanze e contrasti, tra storie e racconti, cronaca e ironia, antico, moderno e contemporaneo in grado spiazzare il pubblico di fronte alla grandezza, alle ambiguità e alle complessità del nostro sentire.

«Lo spettacolo - spiega Massini - è anche un'occasione per rielaborare il vissuto della pandemia, che da un lato ci ha fatto vivere emozioni forti, dall'altro ci ha poi immerso in una specie di torpore».

Biglietti anche su vivaticket, informazioni: 040.948471; contrada@contrada.it; www.contrada.it

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori