Home / Spettacoli / Netflix sceglie Trieste e il castello di Miramare

Netflix sceglie Trieste e il castello di Miramare

Il colosso dello streaming ambienta alcune scene di 'Lift' di Felix Gary Gray, in uno dei luoghi simbolo della regione. Si gira dal 19 al 24 maggio

Netflix sceglie Trieste e il castello di Miramare

Il Friuli Venezia Giulia si conferma ancora una volta terra ambita per le produzioni cinematografiche. A scegliere il territorio e, nello specifico, Trieste con il Museo storico e il parco del castello di Miramare, è questa volta il colosso dello streaming Netflix che ambienta alcune scene di "Lift", la nuova opera del regista e produttore cinematografico statunitense Felix Gary Gray, in uno dei luoghi simbolo della regione.

Le riprese del film, che annoverano nel cast il comico e attore statunitense Kevin Hart affiancato dall’attrice britannica Gugu Mbatha-Raw e dall’attrice spagnola Úrsula Corberó, che nella serie Netflix “La casa di carta” interpreta il personaggio di Tokio, sono iniziate lo scorso febbraio in Irlanda del Nord, per poi spostarsi a Venezia e arrivare in Friuli Venezia Giulia, dove sarà allestito il set che ospiterà la troupe dal 19 al 24 maggio.

Gli orari per le visite al Museo storico e al parco del castello di Miramare subiranno delle variazioni e saranno chiusi al pubblico dalle 14 di giovedì 19 maggio e nelle giornate del 20, 21, 23 e 24 maggio. Domenica 22 maggio il Museo e il parco del castello di Miramare saranno regolarmente aperti, ma non sarà possibile utilizzare l’area del parcheggio.

Continua così il percorso di valorizzazione del territorio regionale attraverso le produzioni cinematografiche e audiovisive grazie anche al lavoro di supporto di Fvg Film Commission che assiste le troupe del panorama cinematografico internazionale operando da quest’anno all’interno di PromoTurismoFvg.

0 Commenti

L'economia in un click

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Green

Business

AGENDA

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori