Home / Sport news / Cinque società danno forfait, slitta la partenza dell'A2

Cinque società danno forfait, slitta la partenza dell'A2

Bocce - Anche Tre Stelle e Villaraspa hanno annunciato il ritiro. Attesa per le decisioni della federazione

Cinque società danno forfait, slitta la partenza dell\u0027A2

Falsa partenza per il campionato di serie A2 di bocce. Il torneo avrebbe dovuto prendere il via oggi, assieme alla massima categoria (che vede ai nastri di partenza, alle 14, Auxilium-Gaglianico, Brb-Noventa, Perosina-Loanese; riposa la Marenese). Ma non si disputerà alcun incontro, perché cinque società hanno confermato il ritiro dal campionato per impianto non accessibile per restrizione comunale, alto rischio epidemiologico o per la mancanza di disposizioni chiare della Fib sulla gestione delle positività.

Le cinque formazioni che amaramente hanno dato forfait sono le goriziane Tre Stelle-Ronchi dei Legionari e il Villaraspa di Staranzano in aggiunta alle venete Cavarzano, Florida e Pederobba.

L’unico incontro tecnicamente disputabile, ovvero Quadrifoglio-Cussignacco, è stato rinviato causa positività Covid.

Ben undici delle dodici società avevano avanzato richiesta di posticipare la partenza a maggio, con la speranza di avere una situazione migliore e utilizzare gli impianti all’aperto per garantire maggior sicurezza, ma dalla Federazione è arrivato un secco no. Ora si attendono gli sviluppi per capire se e come potrà proseguire il campionato.

Fib Friuli Venezia Giulia. Eletto a pieni voti Aldo Daici, 71enne di Artegna, alla presidenza della federazione regionale accompagnato dai consiglieri Luca Balos, Sergio Bergnach, Virginio Mezzarobba, Mario Nogarotto, Caterina Venturini e Nicola Ziraldo, eletti nell’assemblea svoltasi sabato scorso a Cussignacco alla presenza dei presidenti De Prato e Brandolin, rispettivamente per Cip e Coni Fvg.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Tendenze

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori