Home / Sport news / I Madracs Udine tornano in campo

I Madracs Udine tornano in campo

Domenica 24, alle 15, sul campo della Polisportiva Terraglio di Mestre, riparte la serie A1 di hockey in carrozzina

I Madracs Udine tornano in campo

E' arrivato il momento! Ritornano la serie A1 di hockey in carrozzina e le sue mille emozioni. Sarà, come sempre, la IOPprint Madracs Udine a difendere i colori del Friuli nel massimo campionato nazionale e l'esordio nella nuova stagione sarà di quelli da brivido: alle 15 di domenica 24 ottobre, sul parquet della Polisportiva Terraglio di Mestre, i verdenero affronteranno, infatti, i Black Lions Venezia, detentori dello scudetto e squadra da battere.

Questa non è una semplice partita, è un derby tra vicini di casa, tra due squadre che vogliono dimostrare di essere le migliori. È un flashback alla passata stagione, quando alla prima di campionato la IOP Madracs Udine riuscì nell'impresa di battere i lagunari dopo 42 vittorie consecutive.

La gioia, però, durò poco. Causa Covid, anche il campionato si è dovuto fermare. “Quest'anno abbiamo il vaccino, un'arma in più e tutti sognamo di portare a termine questa stagione", commenta il presidente Minigutti, calcando la mano sull'importanza della prevenzione.

“La FIPPS ha optato per una linea estremamente cautelativa, che ha penalizzato certo gli impegni sportivi ma ha fatto sì che nessuno degli atleti di questo movimento, tutte persone per vari motivi estremamente a rischio, restasse colpito dalla pandemia. Ora, però, vogliamo giocare, non ne possiamo piu, è difficile motivare i ragazzi senza dare loro un obiettivo concreto. C'è desiderio di agonismo e siamo pronti a dimostrarlo. Ci aspetta un girone terribile. Quest'anno le 12 big saranno divise in quattro mini gironi da tre. A completare il girone A, assieme a Udine e Venezia, ci saranno i Coco Loco Padova, altro team pluri scudettato".

Quella dei mini gironi, a detta dei responsabili federali è stata l'unica soluzione possibile per garantire il completamento del campionato, non avendo previsioni sicure sul futuro della pandemia. Una decisione difficile, drastica che dipinge un’Italia dell'hockey piuttosto sbilanciata ma che almeno rimetterà in campo i giocatori. Questa la priorità.

Comprensibile: è un anno che non si gioca e nelle ultime due stagioni le partite si contano sulle dita delle mani. La società friulana, però, non vede l'ora di riprendere da dove tutto si era interrotto, di ritornare a lottare per superare il girone di ferro, per poi giocarsi il tutto per tutto ai play-off.

Massima fiducia nella rosa, rimasta invariata con il solito mix esplosivo di esperti campioni e giovani promesse. Da segnalare un cambio nello staff, dove nel ruolo delicatissimo di capo meccanico si insedia Teddi Tion, al posto di Stefano Torcutti.

“Abbiamo accolto a malincuore la richiesta di Stefano, rinunciare alla sua esperienza e straordinaria inventiva non è stato semplice", commenta ancora il presidente. "Quello che ha fatto in 10 anni per noi non è quantificabile ed è per questo che si merita un po’ di sollievo dalle incombenze. Abbracciamo però con felicità il nuovo arrivato e gli auguriamo un buon lavoro. Con lui andiamo sul sicuro, ha già dimostrato le sue qualità".

Nessuno alla IOP Madracs si vuole sbottonare e cadere nel pericoloso gioco dei pronostici, una promessa però viene fatta. Ogni secondo di partita verrà onorato con il massimo impegno.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Tendenze

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori