Home / Sport news / Udine Jump, Trost ricomincia da 1,93

Udine Jump, Trost ricomincia da 1,93

L'azzurra friulana, al debutto stagionale, è seconda dietro all'ucraina Mahuchikh, che supera di nuovo i 2 metri. Al maschile Protsenko vince con 2,28

Udine Jump, Trost ricomincia da 1,93

Alessia Trost ricomincia da 1,93. Al PalaIndoor Ovidio Bernes, al meeting internazionale di salto in alto Udin Jump Development, l'azzurra friulana chiude alle spalle della sola Yaroslava Mahuchikh, 19enne argento iridato a Doha, che supera 2 metri con grande margine. Poi la fuoriclasse ucraina fa mettere l’asticella a 2,03, un centimetro in più della misura realizzata il 9 gennaio scorso a Kiev. Per lei, detentrice del record del mondo under 20 di 2,04, è l’ottava volta in carriera oltre i due metri.

Trost mette in fila un percorso pulito da 1,74 a 1,90 e il primo nullo proprio a 1,93. Una misura che l’azzurra delle Fiamme Gialle, bronzo mondiale indoor nel 2018, supera con un secondo tentativo arrangiato, di certo non il migliore fra quelli visti al palasport di Paderno, poi approcciare l’1,96 dello standard per i Giochi Olimpici di Tokyo.

“Il mio modo di allenarmi è cambiato - racconta la friulana, che da ottobre 2019 si allena con Roberto Vanzillotta a Sesto San Giovanni - credo si sia visto dai dieci salti di oggi, e spero sia un buon punto di partenza per questo 2021. Quest’inverno ho lavorato bene e senza intoppi, a parte la settimana seguita alla mia positività al Covid, ma non immaginavo che già oggi avrei tentato 1,96. Ne sono felice e mi porto a casa ottime sensazioni. Oggi ho realizzato anche quanto mi sia mancata la tensione agonistica. Ho osservato con attenzione Mahuchikh, è una ragazza di grande talento ma molto semplice e piacevole; è sempre molto tranquilla, concentrata, proverò ad imitare il suo approccio. Tornerò a gareggiare il 2 febbraio, a Banska Bystrica”.

Elena Vallortigara (Carabinieri) si ferma a 1,86: "Ho bisogno di lavorare un altro po' per tornare alle misure che voglio; gli ultimi mesi non sono stati produttivi come avrei voluto, ho dovuto fermarmi più volte. Tornerò in pedana a Banska con l'obiettivo di fare un passo avanti rispetto a questa gara, e spero che il bicipite femorale non si faccia sentire come qui a Udine". Le altre specialiste italiane Erika Furlani (Fiamme Oro), Marta Morara (Atl. Lugo), Rebecca Pavan (Assindustria Sport Padova) e Idea Pieroni (Carabinieri) chiudono con 1,82.

Al maschile si impone l’ucraino Andriy Protsenko con 2,28. Il vincitore del Golden Gala 2020 ha due incertezze a 2,24 e alla misura vincente, per poi tentare invano i 2,32. Il 23enne cubano Luis Enrique Zayas, salito a 2,33 alle indoor 2020, non va oltre 2,24, quattro centimetri in più del portoricano, finalista olimpico e iridato, Luis Joel Castro.

Con Stefano Sottile (Fiamme Azzurre), fermato da un lieve risentimento muscolare, non riesce l’attacco al primato personale di Eugenio Meloni (Carabinieri, 2,16). Alla sua terza edizione l’evento allestito da Alessandro Talotti, Mario Gasparetto e Massimo Di Giorgio conta sul contributo della Presidenza del Consiglio dei Ministri-Dipartimento per lo Sport. Ospite d’onore anche quest’anno il leggendario Javier Sotomayor, cubano primatista del mondo, ma fra il pubblico ci sono anche l'iridato Giuseppe Gibilisco e il bronzo olimpico Inga Babakova.

"Meeting di atletica come quello che si sta svolgendo al PalaBernes sono un segnale di buon auspicio per la ripartenza dello sport e celebrano una tradizione sportiva regionale che ha saputo negli anni far emergere molti grandi campioni", ha detto l'assessore alle Finanze Barbara Zilli, a margine delle premiazioni.

"La Regione sarà sempre al fianco di queste manifestazioni anche per testimoniare la capacità di realtà come quella di Paderno nel costruire una storia sportiva importante nel panorama internazionale del salto in alto" ha ricordato Zilli. L'assessore ha premiato la vincitrice della categoria femminile Jaroslava Muhunchykh, giovane ucraina già campionessa mondiale under 20, che al suo attivo un personale di 2,04 metri.

Zilli ha anche portato il saluto dell'Amministrazione regionale agli atleti di casa, l'azzurra pordenonese Trost (Fiamme gialle) e il friulano Simone Dal Zilio (Brugnera), ricordando come "atleti della loro caratura sono esempi di impegno, determinazione e incarnano uno stile di vita di cui tutti i giovani hanno necessità in un momento così critico per l'attività sportiva, come quello che stiamo vivendo".

Non è mancato infine un ringraziamento dell'assessore agli organizzatori della manifestazione, in particolare a Talotti, che con il supporto della Fidal e del Coni regionale, ha fatto crescere l'evento rendendolo un punto di riferimento mondiale di questa disciplina.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Tendenze

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori